Altri Sport
Commenta

Ciclismo, maledizione mondiale per le
cremonesi: Venturelli cade e chiude 24^

Maledizione mondiale per le cicliste cremonesi. Dopo il forfait di Marta Cavalli, che non è nemmeno partita per Wollongong (Australia) a causa del mancato recupero dopo l’incidente che l’ha vista coinvolta al Tour de France a luglio e che sarebbe stata capitano della formazione azzurra, la sfortuna si abbatte anche sulla compaesana Federica Venturelli.

Nel corso della ricognizione del percorso della crono juniores, infatti, Venturelli è stata vittima di una caduta che l’ha costretta a rientrare anzitempo in albergo. Le sue condizioni sono state valutate attentamente, tanto che la partecipazione alla prova iridata è rimasta in dubbio fino all’ultimo. Nella notte che ha preceduto la gara sono stata fatte le lastre per verificare eventuali fratture, che sono state escluse.

La ciclista di San Bassano, in ogni caso, è scesa sul percorso per realizzare la sua prestazione: “Sono tutta un dolore, soprattutto il gomito ma non potevo non correre questo mondiale. Non avrebbe avuto senso tutta la fatica fatta per arrivare qui e poi la Maglia azzurra va sempre onorata.”

La cremonese ha fatto quello che ha potuto, chiudendo al 24° posto, ben lontano da quelle posizioni che erano tranquillamente alla sua portata. La cosa importante, però, è che alla fine stia bene e che sia subito tornata in sella, con Venturelli che spiega: “E’ stata una fatalità. In discesa, subito dopo una curva, c’erano delle buche non segnalate. Mi è sfuggita la mano dal manubrio e sono caduta”.

© Riproduzione riservata
Commenti