Cremonese
Commenta

Contro il Monza la Cremonese
dovrà controllare le fasce

Reduce da due pareggi nelle prime due gare del 2023, il Monza è atteso oggi pomeriggio, sabato 14 gennaio, alle 15.00 allo Zini per affrontare una Cremonese ancora a caccia della prima vittoria stagionale. Da quando Raffale Palladino è stato nominato allenatore dei brianzoli, venendo promosso dalla Primavera, i biancorossi adottano il 3-4-2-1 come sistema di gioco di riferimento.

Nonostante la disposizione iniziale sia simile a quella dell’Hellas Verona, il Monza è una squadra che ha un possesso palla accentuato (quarta in Serie A per percentuale media) che si sviluppa a partire dalla costruzione con i 3 centrali per poi essere incanalato lungo le corsie esterne per risalire il campo, svuotando molto spesso il centro del campo.

Il Monza è tra le squadre che utilizza meno lanci lunghi e passaggi filtranti (16esimo in campionato in entrambi i fondamentali), mentre ama alzare il proprio baricentro come testimoniato dall’elevato numero di passaggi nella trequarti (settimo in tutto il torneo). I brianzoli faticano però a entrare nell’area avversaria (14esimi per numero di tocchi nei 16 metri avversari) e sono 13esimi in A per numero di tiri fatti. La squadra di Palladino è decima per expected Goals* generati appena dietro alla Cremonese, ma ha segnato 19 reti, contro gli 11 dei grigiorossi.

In fase difensiva, non attua un pressing piuttosto intenso, ma riesce a compattarsi bene e a lasciare agli avversari poche conclusioni (è la quinta formazione a concedere meno tiri), tuttavia concede abbastanza: oltre a essere l’ottava peggior difesa è anche la settima compagine a concedere più expected Goals*.

La Cremonese si troverà dunque di fronte ad una squadra che utilizza molto gli esterni, sebbene con una funzione più di costruzione e meno di rifinitura rispetto al Verona. Il rebus da risolvere sulle corsie laterali sarà dunque ancora una volta decisivo nello sviluppo di una gara che comunque vedrà i grigiorossi lasciare con ogni probabilità il controllo della palla ai brianzoli per giocare in modo reattivo.

In questo senso, sarà fondamentale riuscire a ritrovare ordine nel pressing, soprattutto qualora Alvini decidesse di aggredire subito la costruzione bassa biancorossa. Inoltre, le chance di uscire vittoriose da parte della Cremonese passeranno anche dall’efficacia nella lettura delle marcature individuali e degli accoppiamenti con i relativi duelli. Infine, contro una squadra che concede occasioni abbastanza pulite (sebbene in un numero limitato), dovrà riuscire ad approfittare di queste situaizoni.

Mauro Taino

*Expected Goal (xG): una misura della probabilità che ha un determinato tiro di essere trasformato in gol.

Dati Wyscout S.p.A. (wyscout.com)

© Riproduzione riservata
Commenti