Pergolettese
Commenta

Pergolettese, a Trieste
la prima di due tappe verità

Pur essendo alla pari con il Piacenza a 12 punti, la squadra di Trieste è quella più in crisi di tutte: se infatti gli emiliani sono piano piano risaliti, ecco che i giuliani non vincono dall’11esima giornata col 2-1 al Mantova, avendo poi perso da lì in poi cinque gare, tra le quali anche lo scontro diretto di Piacenza

L’ultima di andata, per la Pergolettese, non può prescindere dalla prima di ritorno: sì, perché i gialloblù di Villa sfidano le ultime due della classe, entrambe in trasferta, proprio in questo rush finale di 2022. Prima la Triestina, poi il Piacenza, il tutto nel giro di sei giorni, tra sabato e venerdì.

Una doppia occasione per scappare dalla zona rossa, tornata pericolosamente vicina a 2 punti dopo le ultime frenate – con la Pergolettese che non vince da tre turni e ha vinto soltanto due delle ultime sei partite – ma anche una doppia buccia di banana, perché non approfittare dell’occasione e di avversari in difficoltà vorrebbe dire piombare nel baratro playout per la prima volta in questo torneo, proprio a pochi giorni dalla pausa lunga, che vedrà il girone A di serie C tornare in campo l’8 gennaio.

Pur essendo alla pari con il Piacenza a 12 punti, la squadra di Trieste è quella più in crisi di tutte: se infatti gli emiliani sono piano piano risaliti, ecco che i giuliani non vincono dall’11esima giornata col 2-1 al Mantova, avendo poi perso da lì in poi cinque gare, tra le quali anche lo scontro diretto di Piacenza.

Mister Massimo Pavanel, insomma, ha più di un problema per una squadra alla quale non bastano i gol del figlio d’arte Simone Andrea Ganz. Il mercato estivo era stato senza dubbio più promettente: oggi gli uomini d’ordine sono Furlan in mezzo al campo e Matteo Ciofani, fratello del grigiorosso Daniel; in difesa, senza dimenticare sempre in zona mediana l’esperienza di Mirko Gori e Luca Paganini. I problemi, numeri alla mano, sono soprattutto in avanti con la Triestina che ha il peggiore attacco del girone: appena 13 reti segnate in 18 gare disputate.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti