Volley
Commenta

Cremona vola sotto rete
con la Dea Esperia

Nuovo title sponsor per le tigri gialloblu: al 61° anno di storia, il club del presidente Silvio Sassano diventa Dea Esperia Cremona grazie alla partnership di uno studio dentistico cittadino.

Da sinistra: Sassano, Ghilardi, Palmieri e Neviani

Nella stagione dei record per il territorio cremonese, con tre squadre distribuite tra serie A1 e A2 di volley femminile, all’ombra del Torrazzo nasce una partnership che riscrive il nome di un club da 61 anni impegnato nella pallavolo a tutti i livelli: da lunedì 21 novembre le tigri gialloblu diventano Dea Esperia Cremona.

Alla base di questa rivoluzione che scomoda già titolisti e paragoni (a Bergamo c’è una Dea nel calcio: l’Atalanta) c’è l’accordo della società del presidente Silvio Sassano e del vice Tiziano Neviani con un nuovo title sponsor: lo Studio Dentistico D&A, dell’imprenditrice Daniela Palmieri, a Cremona da vent’anni e con questa operazione proiettato nel futuro del volley. “Dare il nome ad una squadra è bello se si riesce a dare continuità nel tempo – spiega Palmieri -. E questa è la nostra intenzione. La scelta di sostenere l’Esperia? Nasce dalla nostra passione per lo sport e dalla volontà di unire il nostro impegno nel mondo della salute con i valori della pallavolo”. Parole da ex pallavolista, che dal ruolo di libero non ha mai svestito l’indole di aiutare il prossimo.

Un compagno di squadra nuovo, di nome Esperia: “Un sostegno importante per noi – precisa Silvio Sassano -. Da sottolineare anche come Cremona diventi sempre più una realtà al femminile: oltre all’imprenditrice del nostro nuovo title sponsor, i 61 anni dedicati al volley rosa e una prima squadra guidata dall’unica allenatrice della serie A”. “Siamo grati a Dea per questo intervento – aggiunge Tiziano Neviani -. Una sponsorizzazione che arriva in una stagione molto impegnativa come quella del ritorno in serie A”.

“La volontà di investire nello sport e nello specifico nel volley si unisce al messaggio che vogliamo veicolare: siamo vicini ad una realtà di primo piano della nostra città, della nostra Cremona, dei nostri giovani – spiega Lanfranco Ghilardi, direttore sanitario di Dea, socio di Daniela Palmieri e da dieci anni medico per l’Esperia -. Quando si crea un connubio tra club e sponsor dello stesso territorio, nasce un valore aggiunto. Come Studio Dentistico Dea ci interessa poter dire ‘ci siamo’, per l’Esperia e per Cremona”. 

Terza in classifica nel girone A di serie A2, a pari punti con un lotto di altre tre squadre, la formazione di coach Valeria Magri ha esordito in stagione vincendo il derby con Offanengo ed è reduce dal ko casalingo con Montale (2-3). Mercoledì sarà di nuovo in campo a Ca’ de Somenzi, contro la prima della classe, Brescia. Un big match, un’ottima occasione per battezzare il nuovo nome del club.

Simone Arrighi

© Riproduzione riservata
Commenti