Cremonese
Commenta

Cremonese - Sampdoria
la partita di StradiVialli

L'ultima volta allo Zini di Gianluca Vialli fu in occasione di Cremonese-Sassuolo del 4 settembre scorso.

Gianni Brera ne esaltò la bellezza dei gol paragonandola all’arte liutaria di Antonio Stradivari, Gianni Agnelli lo avvicinò al Michelangelo della Cappella Sistina, scultore che diventa pittore. Gianluca Vialli è il bomber che Cremona ha scoperto, cresciuto e lanciato nell’Olimpo dei grandi del calcio italiano, spedendolo in primis a conquistare l’Italia (e quasi l’Europa…) con la Sampdoria. Ecco perché il monday night dell’11esima giornata di serie A è la sua partita.

Da settimane i giornali liguri lo danno addirittura tra i futuri presidenti blucerchiati, cerniera tra il passato illustre della Doria dei Gemelli del Gol Vialli-Mancini e un domani che i rumors vorrebbero legato alla cordata dello sceicco Al Thani. Bonifici in stallo, trattative ancora non decollate. Ma il solo fatto che il nome di Vialli torni ad echeggiare nei caruggi riaccende l’entusiasmo di una piazza poco avvezza all’ultimo posto in A.

E visto che allo Zini sarà sfida tra fanalini di coda, tra le uniche squadre ancora a caccia della prima vittoria in campionato, chissà quale metà di cuore prevarrà in Lucaviallialeale. Lui che in occasione di Cremonese-Sassuolo sorprese tutti presentandosi in tribuna allo Zini con una maglia grigiorossa vintage che fece subito status simbol e portò in dote alla truppa Alviniana il primo punto in campionato. Lui che fece grande la Samp dell’era Mantovani portandola ad un piazzato di Koeman dalla Coppa Campioni. Lui che Cremo-Doria la sentirà più di tutti, chissà se alle 18:30 sarà allo Zini e sotto il Chesterfield indosserà ancora quella maglia grigiorossa…

Simone Arrighi

© Riproduzione riservata
Commenti