Cremonese
Commenta

Cremonese, oltre 240mila euro
in 5 anni per i progetti solidali

La donazione formalizzata oggi, venerdì 9 settembre, a favore del Centro Nazionale Autismo e di Fondazione Sospiro è solo l’ultima – in ordine di tempo – di una lunga serie da parte della Cremonese. Nell’ultimo quinquennio, fanno sapere dal club grigiorosso “su impulso della proprietà – da sempre attenta e vicina ai temi sociali – ha finora permesso di distribuire oltre 240mila euro e che proseguirà anche nel corso della stagione 2022/23” che segna il ritorno sul prestigioso palcoscenico della Serie A.

Il Christmas match è una delle iniziative solidali più caratterizzanti nel percorso di vicinanza della società al mondo del volontariato. La prima asta benefica con le maglie speciali realizzate e indossate dalla Cremonese nell’incontro che precede il Natale risale al 2016 e da allora sono stati 29mila gli euro destinati in attività solidali, sempre a realtà della provincia di Cremona.

Unicamente grazie alla sensibilità e alle generosità dei sostenitori grigiorossi che sottoscrissero gli abbonamenti nella stagione 2019/20, tristemente segnata dalla pandemia, la società nei mesi successivi ha potuto erogare 113mila 718 euro alle seguenti realtà del terzo settore a sostegno di specifici progetti segnalati dalle stesse: Croce Rossa Italiana, Cooperativa Il Seme, Fondazione Aire, Occhi Azzurri, Lae, Il pesce sull’albero, Medea, Amici di Gianni e Massimiliano, Anffas, Agropolis, Pediatria Ospedale Maggiore di Cremona.

Sempre alla campagna abbonamenti 2019/20 era stata legata un’altra iniziativa solidale che ha permesso alla Cremonese di donare 8.850 euro all’associazione “AMOsvaldo” per l’acquisto di due carrozzine attrezzate per consentire la pratica sportiva a persone con disabilità.

Un altro segno tangibile della volontà della Cremonese di essere parte del suo territorio anche in ambito solidale è dato dalla raccolta fondi che ha coinvolto prima squadra, settore giovanile e collaboratori durante l’emergenza Covid, permettendo di donare 50mila euro alle strutture impegnate nel far fronte alla pandemia.

In occasione di Cremonese-Parma del 18 gennaio 2018, partita che segnò la riapertura del settore distinti dopo i lavori di posa della copertura, sono stati devoluti 30 mila euro a sostegno dell’attività di Occhi Azzurri, Medea e Fondazione Borgonovo.

Nel corso degli anni con il reparto Pediatria dell’Ospedale Maggiore di Cremona e con le volontarie dell’associazione Abio è stato stretto un intenso e proficuo rapporto di collaborazione volto a rendere meno difficile la permanenza dei piccoli pazienti nella struttura ospedaliera. Tra le iniziative promosse in questi anni, oltre alla tradizionale visita in reparto dei calciatori grigiorossi in occasione della ricorrenza di Santa Lucia, va ricordata la distribuzione dei kit accoglienza composti da: zainetto, giochi, album da colorare, pastelli o pennarelli, album di figurine del campionato di calcio e la storica maglietta grigiorossa della Cremo.

Il Thisability Usc Store è tra i progetti di grande rilevanza che la Cremonese ha saputo mettere in campo nell’ultima stagione – attraverso la sinergia con partner privati e del terzo settore – a sostegno
delle persone con fragilità a disabilità. Il Thisability Usc Store è un negozio inclusivo, unico nel panorama del calcio professionistico italiano e la Cremonese vi prende parte, tra le altre cose, rinunciando ad ogni forma di compenso sui materiali ufficiali venduti.

Seppure non direttamente, l’attenzione che la Cremonese rivolge alle realtà del volontariato locale è testimoniata dalla scelta di far devolvere interamente a queste gli importi delle multe inflitte ai propri calciatori in caso di infrazioni al regolamento.

© Riproduzione riservata
Commenti