Commenta

Cremonese, ecco Pecchia:
'C'è il potenziale per risalire'
Braida: 'Profilo al caso nostro'

(foto uscremonese)

E’ stato presentato ufficialmente oggi, venerdì 8 gennaio, Fabio Pecchia come nuovo allenatore della Cremonese. Presente il dg grigiorosso Ariedo Braida che ha esordito: “Innanzitutto voglio ringraziare Pierpaolo Bisoli per la sua opera e il suo lavoro e le persone che hanno collaborato con lui. Putrtoppo succede che a volte le cose non funzionino e a a pagare sono sempre gli allenatori. Il nuovo tecnico è giovane, ma con esperienze importanti: pensiamo sia il profilo adatto al caso nostro. Ha in testa cose molto interessanti e pronto a lavorare su un progetto basato sui giovani e non solo”. Pecchia, dopo aver ringraziato la proprietà, il club e il suo predecessore, si è mostrato motivato: “Da parte mia ci sono grandissimi entusiasmo e voglia: vengo in un club con una storia importante e sempre ostico da affrontare quando ci giocavo contro anche grazie alla presenza di un grande allenatore come Gigi Simoni che mi ha dato tanto e che ricordo con grande affetto. Ho sentito grandissima fiducia da parte dei direttori e questo, insieme alla storia e alla struttura della società, mi ha convinto a venire a Cremona”.

Il mister di Formia ha poi aggiunto: “Mi rendo conto che arrivo in un ambiente deluso per via di una classifica insospettata, la realtà è sotto gli occhi di tutti, ma conosco la squadra: ha il potenziale per uscire fuori. Ho bisogno di conoscerli immediatamente uno a uno a livello personale, perché dal punto di vista tecnico li conosco: da lì dobbiamo iniziare un percorso insieme. Immagino la delusione che c’è in città, al di là delle vicende extracalcistiche, ma servono poche parole perché è esclusivamente il campo che deve parlare: solo lavorando sul campo possiamo dare risposte all’ambiente”.

A livello tecnico, Pecchia non ha voluto sbilanciarsi sul modulo anche se ha chiarito che la base sarà la difesa a 4. “Il mio primo obiettivo – ha spiegato il nuovo allenatore grigiorosso – è far crescere la consapevolezza della squadra e piano piano arrivare ad un’idea di gioco. Ci vorrà tempo, ma il tempo è di una settimana: l’attenzione è rivolta al Pescara e al recupero degli infortunati. L’importante è arrivare ad avere lo stesso atteggiamento ovunque, saper soffrire e voler affrontare le partite con la voglia di essere propositivi. Questo non significa vivere alla giornata: mi piace la gestione palla e un’aggressione alta, con la squadra che deve provare ad essere padrona del campo. Il nostro obiettivo sin da domani sarà questo: abbiamo giocatori con le qualità per poterlo fare e lavorermo in questa direzione”.

In questo senso sarà importante dare “un’identità in poco tempo”, un retaggio dell’ultima esperienza in panchina con la Juventus Under 23: “E’ stata una grande soddisfazione riuscirci con un gruppo di giovani e penso che mi servirà anche in questa esperienza”. Pecchia ha poi parlato delle sue esperienze da vice di Rafael Benitez sulle panchine di Napoli, Real Madrid e Newcastle: “Lavorare in un top club a livello mondiale come il Real Madrid dove ogni parole ha una cassa di risonanza planetaria mi ha aiutato nella gestione dei giocatori: sono esperienze che non hanno prezzo, ma mi ha fatto capire che anche a quel livello i giocatori hanno bisogno di fiducia. In Inghilterra, invece, ho vissuto un modo di approcciarsi alla partita con uno stress minore. Vivere fuori aiuta a dare valore a quel che c’è in casa”.

In tema mercato, Pecchia ha sottolineato: “Rende tutto più instabile, dovremo essere bravi a gestire questo finale di gennaio. Ma è una difficolà che il mercato crea a tutti i livelli. Le idee, in ogni caso, sono chiare, c’è un rapporto quotidiano col direttore che conosce da più tempo la squadra”. “Siamo attenti sul mercato – ha sottolineato lo stesso Braida -: cercheremo di trovare delle soluzioni che possano aiutare a risolvere i nostri problemi, ma il mercato di gennaio è difficilissimo. Insieme valuteremo tutte le opportunità e farò il massimo per poter accontentare il mister. La volontà della proprietà è quella di migliorare, speriamo che già per Pescara ci sia qualche nome nuovo”. “Le pressioni – ha concluso il dg – non le accettiamo da nessuno: siamo la Cremonese e faremo il bene della Cremonese”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti

Direttore
Guido Lombardi (direttore@cremonaoggi.it)

Redazione

Via Bastida 16 – 26100 Cremona / Telefono 0372 805 666 / Fax 0372 080169 | redazione@cremonaoggi.it

Pubblicità
pubbli@cremonaoggi.it | 0372 080167/080168

Cremonaoggi Ed. UNOMEDIA srl, via Rosario 19, Cremona Direttore Responsabile Guido Lombardi.
Iscritto nel pubblico registro presso il Tribunale di Cremona al numero 461 dal 29 aprile 2011

 

Created by Dueper Design | Hosting by Emberware