Commenta

La Chromavis Abo
vola in finale playoff:
Lecco asfaltata 3-0

Acciaitubi Picco Lecco – Chromavis Abo 0-3 (21-25, 19-25, 20-25)
ACCIAITUBI PICCO LECCO: Lancini 5, Badini 3, Martinelli 6, Santini 8, Civitico 8, Roncon 2, Garzonio (L), Dell’Oro, Sironi 6, Ferrario 2, Mainetti. N.e.: Stomeo, Ronzoni. All.: Milano
CHROMAVIS ABO: Dalla Rosa 7, Cheli 10, Nicolini 5, Porzio 15, Gentili 8, Minati 14, Giampietri (L), Bressanelli. N.e.: Colombetti (L), Rossi, Marchesi, Raimondi. All.: Barbieri.
ARBITRI: D’Amico e Russo.

Serviva un’impresa contro una squadra che soltanto domenica scorsa aveva ribaltato la situazione in un PalaCoim gremito. Sapeva resettare la testa dalla beffa subita tre giorni fa, essere consapevoli di affrontare un test molto difficile, lottando ogni pallone. Ma la Chromavis Abo ha abituato tutti a stupire e ancora una volta ha dimostrato di avere doti tecniche e caratteriali non comuni. Così, nella decisiva gara 3 a Lecco che risolveva la serie di semifinale playoff di B1 femminile, Offanengo ha mostrato i muscoli, espugnando in tre set il rettangolo di gioco del Bione e volando nella finalissima per l’A2 femminile. Così, le neroverdi cremasche arriveranno a giocarsi lo storico salto per la seconda serie nazionale rosa contro le modenesi dell’Emilbronzo 2000 Montale dove milita una leggenda azzurra e del volley mondiale come Tai Aguero. Sabato alle 18 primo atto in terra emiliana, mentre gara 2 si svolgerà mercoledì 5 giugno al PalaCoim di Offanengo.

Cuore, qualità, continuità. E’ stata davvero una prova di applausi quella offerta dalla Chromavis Abo, che ha saputo stringere i denti nel primo set (dove era sotto 13-9) spuntandola 20-25, così come ha saputo reagire dopo un inizio di terza frazione in salita (5-1 e 9-5), arrivando a chiudere 25-20. Il secondo parziale, invece, ha visto un filotto neroverde dall’11-12 all’11-18, riuscendo a festeggiare sul 19-25.

Una vera e propria prova di forza collettiva in una serie che curiosamente ha sempre visto saltare il fattore campo, dato che Offanengo ha conquistato le due vittorie sempre in trasferta, violando il campo di gara del Bione. La sensazione è stata quella di una squadra sempre sul pezzo, coesa, determinata e molto attenta, capace di mettere la museruola a un avversario temibile. Il sogno, dunque, continua, con Offanengo già ora mai così in alto nella storia.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti

Direttore
Mario Silla (direttore@cremonaoggi.it)

Redazione

Via Bastida 16 – 26100 Cremona / Telefono 0372 805 666 / Fax 0372 080169 | redazione@cremonaoggi.it

Pubblicità
pubbli@cremonaoggi.it | 0372 080167/080168

Cremonaoggi Ed. UNOMEDIA srl, via Rosario 19, Cremona Direttore Responsabile Mario Silla.
Iscritto nel pubblico registro presso il Tribunale di Cremona al numero 461 dal 29 aprile 2011

 

Created by Dueper Design | Hosting by Emberware