Altri Sport
Commenta

Bocciodromo, tutto da rifare: a un anno
dalla firma è di nuovo senza gestore

Non c’è pace per il bocciodromo comunale. Ad appena una anno dagli accordi tra Comune e Federazione Itaiana Bocce per risollevare l’impianto dopo anni di crisi, questa mattina la Giunta comunale ha preso atto dell’intenzione della stessa Federazione e dell’UNIFIB (già Consorzio Bocce Lombardia) di procedere con la disdetta della convenzione. La gestione del bar continuerà nelle prossime settimane, così come previsto dall’art. 21 della convenzione. Parallelamente l’Amministrazione avvierà la procedura di evidenza pubblica in modo da potere affidare quanto prima l’impianto ad un nuovo gestore che possa rimettere la struttura a disposizione di associazioni sportive, anche diverse da quelle che si occupano di bocce, compreso il bar-ristorante. Saranno inoltre subito avviate interlocuzioni con le realtà sportive legate alle bocce, che storicamente utilizzano il bocciodromo nella parentesi invernale, per risolvere con loro eventuali criticità legate alla pratica sportiva in questi mesi.

Come spiega l’Assessore allo Sport Luca Zanacchi, a seguito di interlocuzioni tra l’Amministrazione comunale, la Federazione Italiana Bocce, nella persona del Presidente Nazionale, Marco Giunio De Sanctis, e dell’UNIFIB (già Consorzio Bocce Lombardia), su richiesta degli stessi rappresentanti degli enti sportivi e in accordo tra le parti, si è deciso di interrompere la convenzione per la gestione del bocciodromo comunale.

“Per una ricostruzione degli eventi -spiegano dal Comune – si deve necessariamente partire dal recente rinnovo della convenzione per la gestione della struttura. Nella convenzione, approvata dal Consiglio comunale il 20 dicembre 2021, sono definiti alcuni aspetti a carico dei soggetti coinvolti: lavori di riqualifica dell’impianto, in capo alla Federazione e, a fronte di un contributo dell’Amministrazione, gestione delle attività sportive anche in ambito inclusivo e paralimpico mediante un’associazione che sarebbe dovuta nascere proprio per lo sport delle bocce.

Purtroppo, alcuni aspetti legati all’aumento dei costi delle materie prime ed alla situazione contingente più generale hanno determinato una serie di problematiche che, di fatto, hanno pregiudicato la possibilità di procedere alla manutenzione nei tempi stabiliti dalla convenzione. Parallelamente, dopo la crisi pandemica, si è verificata una seria criticità sotto il profilo gestionale dell’attività che, di fatto, non ha permesso la nascita dell’associazione sportiva impedendo la gestione delle attività all’interno del bocciodromo”.

“Dal 30 giugno 2022, data indicata nella convenzione come scadenza per la presentazione del progetto, fino al 30 novembre scorso – questa l’amara conclusione del Comune – data indicata per la presentazione delle attività sportive da organizzare nella struttura, si sono svolti numerosi incontri per risolvere le criticità e avviare così le diverse attività previste dalla convenzione. I tentativi di riallineamento a quanto sottoscritto e gli sforzi fatti dalle parti in gioco per superare le difficoltà non hanno purtroppo portato ad alcuna ipotesi se non alla proposta di risoluzione della convenzione per la gestione dell’impianto sportivo”

© Riproduzione riservata
Commenti