Calcio
Commenta

Gianluca Vialli è grave:
ricoverato a Londra

Settimana scorsa la comunicazione alla Figc del suo stop agli impegni con la nazionale, nelle ultime ore il ricovero in clinica a Londra. Gianluca Vialli si è aggravato, le sue condizioni destano sempre più preoccupazione e anche la madre 87enne Maria Teresa è partita lunedì da Cremona per raggiungere l’Inghilterra e stare vicina al figlio, straordinario campione chiamato ora a vincere la partita più difficile, quella per la vita.

Nel 2017 la scoperta della malattia: tumore al pancreas. Da allora, per Vialli è iniziato (parole sue) un percorso con un compagno di viaggio indesiderato. Una battaglia che Gianluca, oggi 58enne, ha iniziato a combattere rendendola pubblica nel 2018. Anche a Cremona, in occasione di eventi benefici, l’ex grigiorosso campione d’Europa con la Juventus nel 1996 ha sempre raccontato con lucidità e coraggio la sua lotta al tumore. Nel 2019 la volontà della Federcalcio di aggregarlo al team di Mancini come capo delegazione azzurro. La scalata agli europei del 2021, l’abbraccio commovente a Wembley, il trionfo dell’Italia che sembrava essere preludio ad una rinascita calcistica dell’intero movimento azzurro. In parallelo, la battaglia mai finita di Vialli con la malattia. Il suo intervento a Cremona1, che fece il giro del mondo, ribadiva un anno fa il riacutizzarsi dell’aggressività del tumore.

Oggi, come nel 2017, tutti si stringono ancor di più attorno a Gianluca.

© Riproduzione riservata
Commenti