Volley
Commenta

Esperia, in regia c'è
Ludovica Mennecozzi

Ludovica Mennecozzi con coach Valeria Magri

Dopo la separazione con Laura Pasquino, D&A Esperia è lieta di annunciare l’inserimento nel roster della prima squadra della palleggiatrice Ludovica Mennecozzi. Nata il 5 ottobre 2003, originaria di Montappone, un piccolo paese in provincia di Fermo, nelle Marche, inizia a giocare a pallavolo all’età di 5 anni con la Luna Volley, una piccola società del suo paese, per poi approdare alla Videx Grottazzolina ed infine a Corridonia all’età di 13 anni, dove disputa la serie D e poi l’anno successivo la serie B2. “Sono fuori casa a giocare da quando avevo 14 anni – attacca – ed ho iniziato a Sassuolo, annata che non dimentico facilmente perché è stata davvero bella, emozionante e la porterò sempre nel cuore: abbiamo giocato la finale scudetto under 16 e ho vinto il premio di miglior palleggiatrice”.

Mennecozzi, che per la sua esperienza in gialloblù ha scleto di indossare la maglia numero 14, si ritiene una ragazza estroversa e che tiene molto ai valori della famiglia: “Finita l’esperienza a Sassuolo, sono stata alla Igor Trecate (sfidando l’Esperia tornata in B1 dopo la promozione, ndr), ad Empoli (playoff promozione di B1) e la scorsa stagione a Soverato, al fianco di Simona Buffo. Ho iniziato la stagione corrente a Volta Mantovana per giocare in B1 e ora eccomi qui!”. Ludovica in estate si mette in gioco anche sui campi di Beach Volley: in passato ha anche partecipato alle tappe del campionato italiano under.

“Mi è sembrato decisamente un buon inizio qui a Cremona – commenta -, le compagne sono molto alla mano, mi hanno ben accolta e di questo sono molto contenta. Mi sembra un bel gruppo ma c’è tanto da lavorare sia a livello tecnico che mentale, fondamentalmente come in ogni squadra. Lo staff è molto disponibile e fin da subito si è dimostrato molto fiducioso in me. Mi sembra un ambiente molto tranquillo e sereno”.

La nuova palleggiatrice, quindi, conclude: “Per me è una grandissima opportunità essere qui e ringrazio la società per avermela concessa. Spero di poter contribuire in maniera concreta, insieme alle mie nuove compagne, al raggiungimento dei risultati che la società si è prefissata e magari anche qualcosa in più, perché no? Non mi piace fare il compitino, il mio motto è ‘mai porsi limiti’. Un abbraccio a tutti i tifosi e spero che ci sostengano fino alla fine senza se e senza ma. Forza Esperia!”.

© Riproduzione riservata
Commenti