Basket
Commenta

Il derby è della Vanoli: 88-73
Grande spettacolo al PalaRadi

Fotoservizio Francesco Sessa

Il derby di Cremona non tradisce le aspettative e il grande basket è di scena al PalaRadi, vince la Vanoli 88-73, ma il plauso va sopratutto al carattere messo in campo dalla Juvi che rimane in gara nonostante le assenze di Blake e Iannuzzi. A dare la scossa alla gara Denegri (22 punti) che firma da solo il 9-0 e spezza l’animo gigliato, per la Ferraroni una super prestazione del duo Nasello-Reati con 22 e 18 punti.

Al PalaRadi il derby si accende in poco tempo con la Vanoli che apre il primo break prima con un 9-5, poi con un 17-10, Tabu nel primo giro di orologio ne sigla 10 così come Nasello, proprio i biancoblù sfruttano il tiro dall’arco con un 5/8 complessivo. Per i gigliati oltre al capitano, anche un tarantolato Allen e l’esperienza abbinata a freddezza di Reati che con la bomba allo scadere impatta il risultato sul 25-26 che chiude la prima frazione di gioco.

La Vanoli non si accontenta e nel secondo quarto alza i giri in difesa, in attacco si aggiungono i punti in post di Alibegovic, bravo ad attaccare nei mismatch fisici e Denegri, si apre una voragine con i biancoblù che firmano un parziale di 18-3 (21-8 nel quarto). La Juvi non gioca male, Crotti sfrutta tutti i suoi uomini, Iannuzzi a parte, ma è sfortunata, sopratutto negli appoggi. A chiudere il quarto è ancora una bomba allo scadere, questa volta di Denegri, per il 46-34, doppia cifra anche per lui con 11 punti.

Nel terzo quarto c’è spazio per tutto: il pareggio per  della Juvi grazie ad uno statuario Nasello che segna in tutti i modi e Reati dall’arco a dare manforte, la Vanoli ingabbia bene in difesa Allen, ma non basta per fermare l’offensiva gigliata. Sotto canestro la fisicità è tanta, ma le squadre reggono, ironicamente la partita entra in standby per un infortunio dell’arbitro Begnis. Alla ripresa dei giochi Denegri si carica i biancoblù sulle spalle e piazza 3 triple di fila che vale il 9-0 vanoli e il 65-52 alla mezzora.

Nell’ultimo decisivo quarto la Vanoli cambia pelle, entrano i titolatissimi in campo e soprattutto le lunghe leve della coppia Eboua-Cannon. La difesa biancoblù è efficace, ma ad esserlo di più è la presenza a rimbalzo dei biancoblù che si converte in più occasioni al tiro e falli sotto canestro degli juvini, a patire l’inesperienza e Vincini che arriva a 5 falli e viene espulso. Ai gigliati il merito di non chinare il campo fino agli ultimi secondi di gara, finisce 88-71 per la Vanoli con il canestro del giovanissimo Zacchigna.

Lorenzo Scaratti

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti