Altri Sport
Commenta

Il Baskin, orgoglio cremonese
è sbarcato in Campidoglio

Il Baskin, disciplina sportiva nata Cremona, città che ne è ancora la “capitale”, è sbarcata al Campidoglio, sede del Comune della capitale d’Italia.

Nella Sala del Carroccio, l’assessora alle Politiche Sociali e alla Salute Barbara Funari ha presentato il lavoro fatto nell’ambito del “Progetto Baskin e oltre”, promosso da Roma Capitale e dall’ Eisi, Ente Italiano Sport Inclusivi. Il Progetto è stato realizzato anche grazie al contributo del Dipartimento per lo Sport – Presidenza del Consiglio dei Ministri.
“Anche Roma vuole fare la sua parte – sostiene l’assessora Funari – per promuovere nei vari Municipi il Baskin, che non è solo un’innovativa disciplina sportiva in crescita in varie città d’Italia, ma rappresenta anche un valido strumento educativo per favorire l’inclusione e creare occasioni di gioco e di divertimento tutti insieme.

Un modello che va esteso e messo a frutto perché all’interno della squadra viene valorizzato il contributo di ogni persona, con l’intento di condividere obiettivi sportivi ma anche di apprezzare la ricchezza della diversità e far nascere relazioni affettive”.
Il Baskin, nato a Cremona nel 2001, è presente in quasi tutte le Regioni Italiane con oltre 150 associazioni sportive iscritte all’Eisi e 4000 tesserati.
La Conferenza è stata moderata dalla Vicepresidente dell’EISI Sira Miola che ha presentato i relatori: il presidente Goffredo Iacchetti ha portato i saluti istituzionali ripercorrendo quanto fatto  fino ad ora, il Professor Alexy Valet, ha messo poi l’accento sulle linee guida e i fondamenti etici dell’EISI e sulle peculiarità degli sport inclusivi. Ha inoltre illustrato l’importante attività formativa che è stata fatta in questi anni per gli allenatori, per gli arbitri e per gli ufficiali di campo.
Successivamente, Antonio Cigoli, responsabile nazionale del Baskin ha presentato le ultime iniziative messe in campo che hanno visto il coinvolgimento di 2296 tesserati nel torneo della ripresa e 97 squadre di 12 regioni per un totale 2813 tesserati per il campionato nazionale.
Alcuni video hanno messo in evidenza l’aspetto agonistico e aggregativo dell’attività svolta sia in ambito sportivo che scolastico. L’intervento successivo è stato del Prof. Gianluca Bacchi responsabile nazionale Scuola che ha sottolineato le caratteristiche metodologiche e didattiche dei giochi inclusivi nell’ambito scolastico.
Laura Carini, referente della comunicazione, ha presentato i mezzi di informazione utilizzati per promuovere l’attività e i due volumi realizzati nell’ambito del progetto “Baskin e oltre”: due espressioni di lettura per tutti.
L’ultimo intervento è stato del delegato Regionale EISI Lazio Enzo Macchini che ha illustrato le attività programmate dalla sezione territoriale e il corposo programma del week end che si terrà nelle palestre di Roma, di Fiumicino e di Cerveteri. Il fine settimana che si concluderà domenica mattina con una partita dimostrativa di baskin che vede ospitare le squadre dello zio Pino Baskin Udine e del Pistoia Baskin.
Presenti alla Conferenza anche la consigliera regionale Marta Bonafoni, il presidente della Commissione Sport di Roma Capitale Ferdinando Bonessio, il presidente della Polisportiva S.S. Lazio Antonio Buccioni e la Consigliera di Sport e Salute Adriana Bonifacino.
Grande il lavoro organizzativo messo in campo dal delegato Enzo Macchini, coadiuvato da Andrea Santececca e dai ragazzi del Baskin Lazio.

© Riproduzione riservata
Commenti