Pergolettese
Commenta

La Pergolettese perde
3-1 contro la Pro Sesto

PERGOLETTESE – PRO SESTO 1 – 3

Partita vera, quella tra Pergolettese e Pro Sesto, sabato, dai toni agonistici già da campionato. La Pro Sesto ha sorpreso i gialloblù cremaschi nel primo tempo, attuando un pressing alto che ha creato parecchi problemi nella costruzione della manovra per i locali. Più reattivi e più pronti a ripartire dopo la conquista del pallone, i milanesi sono andati a rete dopo soli 13 minuti con una bella conclusione di bomber Capogna. Al 25’ è costretto ad abbandonare il campo Figoli, vittima di uno stiramento. Al suo posto Varas, al rientro dopo l’infortunio e con pochi allenamenti nelle gambe. I cremaschi stentano a trovare la chiave per mettere in difficoltà la difesa ospite, mentre la Pro Sesto pesca il raddoppio con un tiro jolly all’incrocio di Sala. La ripresa ha visto la Pergolettese manovrare con più intraprendenza, assumendo il comando delle operazioni. Soprattutto in evidenza Hide Vitalucci che, al 53’ prima sfiora l’incrocio con una bella conclusione e poi, al 63’ va a colpire il palo a porta praticamente vuota (sfortunato il giapponese nell’occasione). E’ però la Pro Sesto ad andare ancora in rete con Gerbi. La Pergolettese trova il giusto premio per il coraggio del secondo tempo con un bel gol di Iori.

“C’è stato sicuramente un passo indietro, non possiamo dire di aver fatto una buona prestazione” ha commentato al termine della partita il mister Giovanni Mussa. “Abbiamo approcciato bene la partita, ma nel momento in cui comandavano gli avversari non siamo stati in grado di reggere l’urto, pur non rischiando tantissimo. Dovevamo rimanere più compatti e concedere qualcosina in meno. Mentre invece, quando nel secondo tempo abbiamo comandato noi non siamo stati in grado di concretizzare la superiorità.”
“Oggi abbiamo anche fatto delle rotazioni. Sabato abbiamo la prima di campionato, quindi è anche normale, adesso, cercare di mettere tutti in condizione. Così come non ci siamo esaltati nel momento delle vittorie, non ci abbattiamo nel momento della sconfitta. Sappiamo che stiamo facendo un percorso di crescita, in cui si possono incontrare degli ostacoli e dei problemi da risolvere, è normale. Abbiamo una settimana piena di allenamenti per riparare agli errori di oggi ed essere pronti per la partita di sabato che è quella che conta.”
Per l’esordio in campionato, “potranno rientrano quasi tutti. Purtroppo oggi c’è stato questo infortunio muscolare per Figoli, che é un giocatore determinante, importante per noi. L’entità del problema andrà approfondita con degli esami strumentali, ma tutto lascia chiaramente presagire che per sabato non possa giocare: spero di essere smentito. Per il resto si è rivisto Arini in panchina, Kevin Varas ha fatto una buona parte quando è entrato, anche se non è ancora al meglio nella condizione; gli altri li abbiamo gestiti. Quindi Tonoli, Lucenti e Volpe sono tutti a disposizione, abbiamo solamente preferito gestire i carichi.”
“Sicuramente affronteremo la partita in modo diverso rispetto ad oggi. Finisce la parte di avvicinamento al campionato e da lunedi’ inizia la settimana più importante. Per sabato dobbiamo farci trovare pronti perché sarà già uno scontro diretto, come lo saranno per tutte le partite. Noi dobbiamo e vogliamo assolutamente raggiungere l’obiettivo della salvezza: metteremo anima e corpo per poterlo raggiungere”.

Questo il calendario delle prime 5 giornate di campionato: il girone A giocherà 4 gare al sabato alle ore 17:30 e il turno infrasettimanale il martedì alle ore 21:00.

© Riproduzione riservata
Commenti