Pergolettese
Commenta

Pergolettese, mister Albertini:
"Chiudiamo bene questa stagione"

Ultimo impegno di campionato a Pontedera per la Pergolettese, con la salvezza ormai in cassaforte, ma il tecnico Fiorenzo Albertini sottolinea: “Impegno, serietà e voglia di andare a giocarla per chiudere questa stagione bene, con dignità e il più in alto possibile. Il Pontedera sappiamo che farà la sua partita per conservare la posizione attualmente occupata per i playoff. Noi abbiamo lavorato sodo tutta la settimana e andremo a giocare questa gara con lo stesso impegno messo in tutte le gare precedenti, certamente non con uno spirito vacanziero”.

Riguardo alla formazione titolare, Albertini spiega: “Sicuramente chi ha giocato meno avrà il suo spazio, magari anche in partita in corso. Su chi scenderà in campo dall’inizio, non posso ancora anticipare niente, ho ancora qualche ora di tempo per decidere e valutare”.

Il tecnico fa quindi una valutazione sulla stagione: “Dobbiamo considerare che si è iniziata la stagione con una rosa con molti giovani alla prima esperienza in un campionato professionistico, come la serie C. Col passare delle giornate, hanno acquisito quella evoluzione tecnica e maturità sul campo che ci si attendeva, tanto che a un certo momento, si è anche pensato di poter fare qualcosa in più della sola salvezza. Ma poi, l’inevitabile flessione fisica, dopo la lunga serie di gare giocate ogni tre giorni con una rosa ristretta ai minimi termini, ci ha fatto capire che il risultato da raggiungere era solo la conferma nel campionato di serie C senza troppi patemi, che era poi l’obiettivo iniziale di stagione”.

Albertini parla quindi del proprio percorso: “E’ una mia soddisfazione che è andata oltre ogni più rosea aspettativa. Sono arrivato alla Pergolettese al termine di un mio percorso personale e per la voglia di restare nel mondo del calcio. Sono arrivato qui in punta di piedi perché, quando arrivi in un nuovo ambiente c’è solo da guardare e imparare. Poi mi sono capitate queste due situazioni, in cui la società mi ha chiesto di subentrare ai due allenatori a stagione in corso, Contini la scorsa annata e De Paola in questa, per proseguire nel lavoro intrapreso e non me la sono sentita di dire di no e rinunciare, non è nel mio carattere”.

“Ho cercato – aggiunge – di farmi trovare pronto e di essere all’altezza della situazione: credo di averlo fatto nel modo migliore, di aver accontentato la società e le aspettative. Devo dire la verità: tra la scorsa annata e questa, mi sento un po’ come Cincinnato, che viene chiamato dal Senato , in questa situazione dalla dirigenza della Pergolettese, per risolvere certi problemi e poi si rimette tranquillo a fare il suo solito lavoro.”

L’allenatore gialoblù quindi conclude: “La mia idea in questo momento è di cercare un posto per le vacanze per rilassarmi: poi ne parlero’ con la società e valuterò con la massima tranquillità. Andare a cercarmi una panchina all’infuori della Pergolettese non ci penso minimamente. Sicuramente sempre al primo posto c’è questo club”.

© Riproduzione riservata
Commenti