Cremonese
Commenta

Il Cosenza prova a
costruire la salvezza
sulla resistenza in difesa

Un’immagine della partita di andata (foto Sessa)

Dopo la sosta per le nazionali e il rinvio del match contro l’Empoli, la Cremonese riprende il proprio cammnino domani, lunedì 5 aprile, quando alle 15.00 sarà di scena sul campo del Cosenza.

I rossoblù sono reduci da quattro risultati utili consecutivi e soprattutto dalla vittoria nello scontro diretto con l’Ascoli di venerdì 2 aprile.

I calabresi, dopo la salvezza dello scorso anno, in panchina hanno confermato Roberto Occhiuzzi che è ripartito dal 3-4-1-2 come sistema di riferimento (alternandolo al 3-4-3).

Occhiuzzi sta provando a salvare la squadra forte della sesta miglior difesa del campionato. Tuttavia, i rossoblù sono la seconda squadra a subire più tiri e la quarta a concedere il maggior numero di expected Goal (xG)*.

In attacco, solo tre squadre hanno segnato meno dei calabresi e il Cosenza è solo 14esimo per tiri fatti. Tuttavia sono è decimo per xG* creati, a riprova di un certo cinismo.

In generale, la squadra di Occhiuzzi tiene poco il pallone (17esima come percentuale di possesso palla) e si affida molto ad una circolazione perimetrale per poi provare ad attaccare in modo diretto, utilizzando raramente i lanci lunghi (penultima).

La vocazione a giocare in transizione senza provare ad esercitare un controllo sulla partita, come testimoniato anche dalla bassa intensità nel pressing (indice PPDA** più alto del torneo), espone il Cosenza alle occasioni avversarie, pur mantenendo una performance difensiva elevata.

In generale, in ogni caso, i rossoblù tendono a lasciare l’iniziativa agli avversari provando a compattarsi a ridosso della propria area di rigore per poi, come detto, provare a ripartire in contropiede.

Mauro Taino

*Expected Goal (xG): una misura della probabilità che ha un determinato tiro di essere trasformato in gol.

**PPDA: passaggi concessi per azione difensiva che includono le azioni all’interno degli ultimi 60 metri di campo della squadra che attacca. Più è basso, più l’intensità del pressing è elevata.

Dati Wyscout S.p.A. (wyscout.com)

© Riproduzione riservata
Commenti