Vanoli
Commenta

La Vanoli annichilisce Pesaro
e vince 100-78. Seconda vittoria
consecutiva per Cremona

Fotoservizio Sessa

Vanoli Cremona: TJ Williams 12 , Giuseppe Poeta 16 , Fabio Mian 23, Marcus Lee 9, David Cournooh 12, Jaylen Barford 9, Daulton Hommes 12, Andrea Donda, Filippo Gallo

Carpegna Prosciutto Pesaro: Henri Drell 4, Ariel Filloy 8 , Tyler Cain 9 , Justin Robinson 16, Matteo Tambone 13, Beniamino Basso N.E, Michele Serpilli N.E, Marko Filipovity 15, Simone Zanotti, Carlos Delfino 4, Mujakovic N.E

Partita perfetta per la Vanoli Cremona nella vittoria contro Pesaro per 100 a 78. Gli ospiti non entrano mai in gara, complice anche la super prestazione di Mian con 23 punti. Bene anche Poeta con 16 punti e 6 assist.

Cremona accoglie la squadra rivelazione del campionato, la Carpegna prosciutto Pesaro. Gli ospiti sono orfani di coach Repesa, causa positività al covid.

La Vanoli parte bene nel segno di un Fabio Mian con un 4/4 dalla lunga che sigla il parziale di 9-2 (18-9). Per i pesaresi solo Cain, molto abile a sfruttare il gap con Jarvis Williams sotto canestro. Pesaro posiziona bene le sue pedine nello scacchiere, ma non riesce a concludere, cosa che fa benissimo Mian: 18 punti in 9 minuti di impiego, 6/7 da tre che valgono il 24-16 del primo quarto. Per Pesaro i primi 10′ si concludono con un 0/6 dalla lunga e 6/12 da due al tiro.

Galbiati sperimenta con il quintetto nel secondo quarto: prove di doppio lungo con la coppia Lee-Donda, poi Barford con Cournooh e TJ Williams. La Vuelle gioca con pazienza e sfruttando le due palle perse di Barford rimane in gara 34-27. Zanotti e Filipovity sono i due assi che pungono Cremona con un’ottima intesa di coppia.

La chiave della partita è l’ottima gestione della fase difensiva con le ottime percentuali al tiro: gli uomini di Galbiati raddoppiano ogni possesso nel pitturato e, in attacco, con un 8/13 contro l’1/13 da tre di Pesaro, si chiude 46-31 all’intervallo.

Pesaro da qualche segnale di presenza nel terzo periodo, ma Cremona è un tritasassi: l’offensiva cremonese è intelligente, gira bene palla e pesca gli uomini giusti in Hommes e Poeta. La rimonta di Pesaro non si realizza e le squadre chiudono il terzo periodo con un +20 di Cremona per 73-53.

Nei primi 3′ dell’ultimo periodo, Pesaro piazza tre triple di fila e si porta a -13. Filloy fa salire i giri della Vuelle e gli ospiti danno deboli segnali d’orgoglio. La risposta cremonese non si fa attendere ed è un lungo garbage time Cremonese con ritocco alle statistiche individuali. a Pesaro non rimangono che le ultime cartucce di una squadra opaca rispetto a quanto visto in coppa Italia. Vince Cremona 100-78 e si porta a due vittorie di fila utili alla causa salvezza.

Lorenzo Scaratti

© Riproduzione riservata
Commenti