Commenta

Pergolettese, De Paola
ancora a secco: col
Renate a caccia di punti

Terzo round del tour de force (terza gara in sette giorni) e i primi due non sono certo andati bene: sempre in partita, ma sin qui sempre sconfitta, la Pergolettese affronta ancora in casa il Renate cercando per una volta di non rispettare la par condicio. Dopo avere infatti perso contro la Pro Vercelli, che è salita al vertice proprio a scapito del team di bomber Galuppini, domani, sabato 28 novembre, alle 15.00 i gialloblù sfidano la seconda della classe, che vuole riprendere la sua corsa.

Definire rivelazione la squadra nerazzurra è un po’ forzato: il Renate, infatti, è sempre cresciuto nel tempo, senza fretta, con un progetto che ha lanciato diversi giovani (si pensi a Brighenti, che fece il salto proprio passando alla Cremonese) e con un’ascesa continua. Oggi la squadra brianzola ha tutto il diritto di sognare, guardando in alto e giocandosi il primo posto. Anche perché quando in attacco hai Galuppini, l’uomo dei colpi risolutori e spesso impossibili, tutto viene più facile. In un raggruppamento senza padrone e molto equilibrato, per il momento paga per i brianzoli il fatto di essere la squadra che, assieme a Pontedera e Giana Erminio, pareggia meno (una sola volta).

Il migliore attacco del girone (18 reti, record condiviso con l’Alessandria e proprio con la Pergolettese) fa un po’ a pugni con una difesa che in realtà a volte si distrae e incassa abbastanza (12 reti) e probabilmente è proprio su questo punto che il tecnico Aimo Diana sa di dover migliorare. Gli 8 gol di Galuppini, come detto, regalano al Renate – reduce da quattro successi di fila e tutti ottenuti in scontri d’alta classifica – la soddisfazione di avere il capocannoniere del girone e soprattutto hanno dato punti pesantissimi, decidendo spesso le partite. Altri nomi? I più importanti sono non a caso concentrati tutti in attacco con Carmine De Sena, habitué di queste categorie, e Giuseppe Giovinco, fratello d’arte. La Pergolettese però deve ora spremere punti con tutti: da mercoledì scorso, pur dovendo recuperare una gara, è sceso in zona playout dopo il sorpasso della Giana Erminio.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti

Direttore
Guido Lombardi (direttore@cremonaoggi.it)

Redazione

Via Bastida 16 – 26100 Cremona / Telefono 0372 805 666 / Fax 0372 080169 | redazione@cremonaoggi.it

Pubblicità
pubbli@cremonaoggi.it | 0372 080167/080168

Cremonaoggi Ed. UNOMEDIA srl, via Rosario 19, Cremona Direttore Responsabile Guido Lombardi.
Iscritto nel pubblico registro presso il Tribunale di Cremona al numero 461 dal 29 aprile 2011

 

Created by Dueper Design | Hosting by Emberware