Commenta

Vanoli, un anno da ricordare:
Coppa Italia e secondo posto
Ora una ripartenza intelligente

La stagione 2018-2019 è stata a dir poco trionfale per la Vanoli Cremona che, come noto, si è conclusa con il secondo posto al termine della stagione regolare in coabitazione con l’Umana Reyer Venezia a quota 40 punti, alle spalle dell’Armani Milano con 46. I biancoblù hanno suddiviso equamente tra i due gironi i punti ottenuti, coronando il buon momento del girone d’andata con la partecipazione alle Final Eight di Coppa Italia, manifestazione che li ha visti storicamente trionfare in febbraio a Firenze dopo aver superato Varese nei quarti, Segafredo Bologna in semifinale e Brindisi nella finalissima. Le immagini delle premiazioni al Nelson Mandela Forum rimarranno sempre impresse nella mente dei tifosi in modo indelebile. La Vanoli , nella stagione regolare, ha messo a segno dopo 30 giornate 2504 punti (media 83, 5) subendone 2360 (media 78,5) . Va anche ricordato che ha battuto nei playoff scudetto Trieste 3-1 (nei quarti di finale) ed è capitolata solo 3-2 in semifinale ad opera dell’Umana Venezia, poi diventata campione d’Italia.

Sulle ali del grande entusiasmo, il sodalizio del presidente Aldo Vanoli si è ripresentato a fine settembre al via del suo undicesimo campionato consecutivo nella massima serie. L’obiettivo è quello di sempre: raggiungere il prima possibile la quota salvezza e poi divertirsi verso altri prestigiosi traguardi. La società ha riposto alcune risorse economiche al settore giovanile per garantirsi il futuro, togliendole dunque alla prima squadra. Ancora una volta si è cercato di allestire un team competitivo malgrado le partenze di giocatori di primissimo piano come Crawford (Mvp del campionato), il pivot Mathiang (tra i migliori del girone discendente) e Aldridge che si era ottimamente comportato. L’arrivo di Tiby, Williams e Palmi aveva lasciato ben sperare ma spresto ci si è accorti che Williams non era all’altezza della situazione, Tiby non si è mai ambientato e Palmi solo da un paio di match sta lentamente migliorando.

L’inizio della nuova stagione è stato tribolato e si è corso ai ripari con Sobin, Happ e da pochi giorni Richardson. Ci si sono messi anche gli infortuni a complicare la situazione: prima Diener ed in rapida successione ravvicinata Mathews e Stojanovic. Coach Sacchetti ed il suo staff sono stati bravissimi e con un lavoro certosino e paziente hanno ridato consistenza ad un gruppo che si stava sfaldando. I componenti, in particolare i giovani, sanno che tutti devono sempre dare il massimo sia in allenamento che in partita senza attendere ogni volta che i ‘primattori’ ci mettano la pezza nei momenti difficili. Il bilancio del 2019 può essere considerato positivo dai tifosi della Vanoli e c’è attesa per il 2020.

Marco Ravara

© Riproduzione riservata
Commenti

Direttore
Mario Silla (direttore@cremonaoggi.it)

Redazione

Via Bastida 16 – 26100 Cremona / Telefono 0372 805 666 / Fax 0372 080169 | redazione@cremonaoggi.it

Pubblicità
pubbli@cremonaoggi.it | 0372 080167/080168

Cremonaoggi Ed. UNOMEDIA srl, via Rosario 19, Cremona Direttore Responsabile Mario Silla.
Iscritto nel pubblico registro presso il Tribunale di Cremona al numero 461 dal 29 aprile 2011

 

Created by Dueper Design | Hosting by Emberware