Volley
Commenta

L'Esperia vola in finale
Battuta Donoratico
in Gara 2 con un netto 3-1

Paradù Ecoresort Donoratico-Esperia Cremona 1-3 (24-26, 22-25, 25-22, 21-25)
PARADU’ ECORESORT DONORATICO: Zuanigh, Bitossi, Magnani, Bongini, Fidanzi 15, Bosco , Lucarelli 15, Orzenini, Ricoveri (L), Orlandini 13, Puliti, Mazziotta 1, Campani 8. All. Menicucci.
ESPERIA CREMONA: Andreani, Antonucci 13, Agostini, Bassi, Brandini 11, Nicoli 3, Lodi 15, Decordi 13, Ruffa (L), Fortuna , Ghisolfi 7, Bulla 1. All. Sbano.

L’Esperia si impone in trasferta al PalaVolley di Donoratico in quattro set ed accede all’ultimo step verso la categoria superiore. E’ stata, come in gara 1, un’autentica battaglia, durata quasi due ore, dove le cremonesi sono state ciniche a chiudere i punti chiave e portare a casa un incontro che vale la storia recente della società.

Il Paradù Ecoresort parte forte. Campani chiude l’attacco veloce del 13-4, Antonucci risponde ma Zuanigh sigla il 20-10. Sembra un film già visto, Cremona, macina punti, ed accorcia le distanze, 23-19, con Brandini. La centrale toscana, sentendo aria di casa impatta sul 24-24 e poi chiude il parziale (24-26). L’inerzia della gara cambia. L’equilibrio nel secondo parziale viene rotto dopo il 9-9: l’Esperia con Lodi allunga, 13-14, ma subisce un minibreak (16-14). Decordi rimette in corsa l’Esperia (17-18) che alla fine con Antonucci chiude i conti 22-25.

Non tarda ad arrivare la reazione della squadra di casa. Donoratico con rabbia e disperiazione innesta la marcia, Mazziotta sigla il 11-3. Le gialloblù non mollano e rilanciano sino ad impattare 17-17. Decordi mette la freccia (18-19), ma questa volta è Donoratico a chiudere con Orlandini. Nel quarto set la Paradù Ecoresort va in fuga, 11-14, Cremona resta in scia e trova il sorpasso con Decordi (18-17). Antonucci realizza il 22-19, Donoratico accorcia con Fidanzi, ma è sempre Antonucci a chiudere, 25-22.

Gara emozionante, dove l’Esperia ha dato prova di forza caratteriale nei momenti topici dell’incontro. Determinante la prestazione a muro, 17 contro i 5 delle livornesi, con Lodi e Brandini protagoniste con 5 e 4.

© Riproduzione riservata
Commenti