Altri Sport
Commenta

Tennis, Rozzi racconta la sua
avventura agli Internazionali
d'Italia: 'Ricordo indelebile'

Enrico Rozzi agli Internazionali d'Italia

Un’esperienza comunque indimenticabile per il cremonese Enrico ‘Chicco’ Rozzi, che ha partecipato agli Internazionali d’Italia nel troneo riservato ai campioni regionali di 2^, 3^ e 4^ categoria.  “Il giovedì – racconta lo stesso Rozzi – arrivo a Roma, faccio chek-in all’albergo che la FIT (Federazione Italiana Tennis, ndr) mi ha riservato, mi presento all’ufficio accrediti mi danno il pass e entro al Foro Italico dall’ingresso atleti! Nonostante le condizioni meteo sfavorevolissime, l’organizzazione è stata perfetta e in campo si è visto grande fair-play. Per tutti noi ‘tennisti per gioco’, sono stati quattro giorni indimenticabili da veri professionisti: un ricordo indelebile”.

Per quanto riguarda il campo invece, l’avventura del tennista cremonese si è dovuta fermare agli ottavi contro il campione della Puglia Michele Conoscitore: “Dopo aver visto alcuni incontri, mi sembra di potermela giocare, ma Conoscitore mi ha riportato alla cruda realtà: grazie a un Tennis potentissimo mi ha inflitto una sonora sconfitta”. Il giorno successivo Rozzi fa da sparring partner proprio all’atleta che ha posto fine alla sua avventura, che vincerà facilmente i Quarti, prima di arrendersi in semifinale, dopo ripetuti rinvii per pioggia, contro il laziale Venanzio Morasca in quella che, secondo il cremonese, si è trattata di una sorta di finale anticipata, anche perché riteneva Conoscitore davvero ‘fuori categoria’. In finale, in ogni caso, Morasca ha poi demolito 6-0/6-1 il campione dell’Emilia Romagna Massimo Bellini, giunto in finale, a giudizio di Rozzi, grazie ad una parte di tabellone “certamente più agevole”.

© Riproduzione riservata
Commenti