Volley

Offanengo-Esperia, Bolzoni:
"Una gara come le altre"

Si scalda l’atmosfera in vista del derby di A2 femminile che domenica alle 17 al PalaCoim metterà di fronte la Trasporti Pietro Bressan Offanengo e la CremonaUfficio Esperia Cremona, sfida della quinta giornata d’andata del girone B.

Una sfida provinciale nella seconda serie nazionale “rosa” a cui le due squadre arriveranno con stati d’animo contrapposti. Offanengo è reduce dal ko nel turno infrasettimanale di mercoledì a Olbia (3-1), rimanendo ferma a quota 4 punti, mentre Cremona arriva dal blitz di Mondovì (0-3) che proietta l’Esperia al terzo posto con Macerata a quota 10 punti.

Nell’occasione, la Trasporti Pietro Bressan cercherà di rilanciare il proprio cammino e la propria classifica, andando a caccia del secondo successo stagionale. Da valutare le condizioni della schiacciatrice brasiliana Tamara Abila De Paula, fermata mercoledì da un problema a un ginocchio.

“Premesso – commenta coach Giorgio Bolzoni – che è una partita come le altre, va vissuta singolarmente poi è chiaro che c’è un discorso-derby (che è più territoriale e societario che legato alle giocatric) a rendere questa gara più importante da quel punto di vista. Cremona è la terza forza del girone con Macerata e sta giocando bene, è una squadra che va considerata tra quelle più forti perché la classifica parla molto chiaro. Dell’Esperia mi ha colpito che in ogni gara lottano fino alla fine; inoltre dal punto di vista individuale le attaccanti stanno cercando tante soluzioni. Il loro gioco sta cambiando molto, la variabilità offensiva con percentuali alte e ottime realizzatrici sta facendo vedere dove stanno arrivando a livello di risultati. E’ sicuramente una squadra molto in forma”.

Quindi aggiunge: “Per quanto ci riguarda, parlare di Olbia, cosa portarci dietro e cosa no non serve a nulla. Bisogna concentrarsi su una gara nuova, che va interpretata come un dentro o fuori come intensità, ma non per i risvolti che un risultato può avere. C’è bisogno di ritrovare la nostra pallavolo. Essendo Cremona una squadra che ha tanta variabilità in attacco, il muro-difesa potrebbe fare la differenza. Con questa fase abbiamo messo in difficoltà anche squadre strutturate. Trovare dall’inizio le giuste misure non sarà facile ma sarà importante”.

La CremonaUfficio Esperia Cremona è allenata da Marco Zanelli e in classifica occupa il terzo posto a braccetto con Macerata a quota 10 punti. Nel turno infrasettimanale, le gialloblù hanno firmato l’impresa espugnando in tre set il campo della Lpm Bam Mondovì, trascinata dai 18 punti dell’opposta Veronica Taborelli, ex di turno nell’occasione.
“Il nostro obiettivo – commenta Zanelli – è cercare di mantenere il livello di gioco che abbiamo espresso fin qui in questo inizio di campionato, in particolar modo mercoledì sul campo di Mondovì. Offanengo è una squadra fisica, che sotto questo punto di vista ha nella schiacciatrice brasiliana Abila De Paula – nel caso giocasse – un punto di riferimento offensivo importante, ma il potenziale è alto anche nel ruolo di opposto con Sironi e Martinelli indipendentemente da chi giocherà. La Trasporti Pietro Bressan è una formazione temibile che forse fin qui ha avuto qualche difficoltà fisica, ma che in casa e in un derby sarà un avversario esattamente come gli altri, quindi contro cui sarà difficile fare punti e ottenere una vittoria”.

Quello in arrivo sarà il derby numero tre in serie A tra le due formazioni, con il bilancio in parità (1-1) scandito dal fattore campo. Nella scorsa stagione in A2, l’Esperia vinse nettamente all’esordio al PalaRadi (3-0), mentre a Santo Stefano Offanengo fece festa al PalaCoim spuntandola al tie break. Il derby metterà di fronte diverse ottime interpreti del fondamentale del muro, ben distribuite tra le due metà campo. Per Offanengo, spiccano i 13 muri della regista Ulrike Bridi e i 12 della centrale Sara Tajè, mentre Cremona si è messa in luce con le centrali Sofia Ferrarini (13) e Matilde Munarini (10).

© Riproduzione riservata
Caricamento prossimi articoli in corso...