Altri Sport
Commenta

Karting, a Cremona secondo round IAME Series Italy 2023

foto CremonaCircuit - PhotoFinish

Al suo secondo appuntamento di stagione, la IAME Series Italy ha trovato nuovi pretendenti alla vittoria, che dalle loro sfide sui 1224 metri del tracciato di San Martino del Lago, nei pressi di Cremona, hanno portato cambiamenti alle classifiche della serie monomarca di casa IAME.

L’accesa giornata di gare ha del karting italiano ha avuto per protagonisti 130 piloti (sopra, ritratti in gruppo prima di scendere in pista), 50 dei quali provenienti da tutto il mondo: un dato che conferma il prestigio internazionale che la serie tricolore, organizzata per IAME da X30 Promotion, ha guadagnato tra i piloti in odore di carriera nel Motorsport. Merito anche dei costi d’esercizio contenuti, insieme a un montepremi che, per ciascun appuntamento, offre ai piloti a podio nelle Finali X30 l’iscrizione gratuita al vincitore e la copertura del costo di una giornata di prove libere ai successivi due classificati. Attento, inoltre, il controllo dei Commissari Tecnici, al termine di ogni sessione di prove e gara, a garanzia della correttezza del materiale impiegato in pista: un supporto di sicurezza a vantaggio di tutti i piloti, a tutela delle reali prestazioni espresse in gara.

Nelle Finali al Cremona Circuit, i primi a scendere in pista sono stati i piloti della classe Z-I. Tra questi, il duello si è sviluppato ancora una volta tra Mauro Simoni e Marco Cecco, con quest’ultimo pronto a scattare in testa al via per comandare nelle prime fasi di gara. Ma Simoni non lo ha perso di vista, riprendendo la posizione di testa che aveva occupato sullo schieramento di partenza, andando a vincere anche questa seconda tappa della Serie IAME. Cecco lo ha seguito quindi al secondo posto, davanti al terzo classificato, Alberto Da Lozzo, che ha completato la tripletta del OK1 Racing Team (sopra, i tre piloti sul podio). La classifica: 1. Simoni (105,5); 2. Cecco (87,5); Da Lozzo (64,5).

Nella X30 Master, Diego D’Agostino (TK Driver Academy) ha ribadito il proprio dominio, aggiudicandosi fin dalle prove ufficiali il ruolo di pilota da battere. Il weekend cremonese gli è stato favorevole fino in fondo, consentendogli per la seconda volta quest’anno di salire in cima al podio (nella foto sotto). Anche stavolta, l’irlandese Richard Faulkner (R. Faulkner) ha provato a contendere il primato a D’Agostino, conquistando nuovamente un utile secondo posto dopo aver scavalcato Angelo Ardito (PRK ASD) nelle fasi iniziali della Finale. Un meritato risultato lo ha raggiunto anche Gianni Zani (G. Zani), partito a metà schieramento e risalito fino al terzo posto. Nella classifica separata della X30 Master PRO, vittoria dell’irlandese Michael Boland (M. Boland) davanti a Luca Sgualdino (OK1 Racing Team) e Alessandro Granelli (A. Granelli). La classifica X30 Master Gentlemen: 1. D’Agostino (166); 2. Faulkner (130); 3. Papanastasiou (81). Classifica X30 Master PRO: 1. Boland e Sgualdino (74); 3. Granelli (26,5).

È stata avvincente la Finale X30 Junior, che nella prima metà gara ha visto due compagni di team, il portoghese Lorenzo Campos e l’elvetico Tiziano Kuzhnini (Team Driver Racing Kart) sfidarsi a lungo, fino all’intervento dell’irlandese Jack Buckley (D. Buckley), che ha scavalcato entrambi andando a vincere senza essere più raggiunto. Nella stessa gara, la classifica femminile della Lady IAME Series Italy è stata vinta nuovamente da Mariachiara Nardelli (Kidix), classificatasi inoltre sesta assoluta. A seguire la ragazza pugliese, al secondo posto ha concluso la turca Leyla Sulyak (Team Driver Racing Kart) e al terzo la lituana Vanesa Silkunaite (Gamoto). Migliore tra i piloti fino a 11 anni d’età, infine, è stato Nico Carfagna (Modena Kart). Nella foto sopra, il podio X30 Junior. La classifica: 1. Buckley (136); 2. Kuzhnini (122); 3. Castellozzi (104).

In X30 Senior, una bella impresa è stata condotta da Manuel Scognamiglio (T Motorsport) partito dalla terza fila e in forte recupero, fino a installarsi al comando negli ultimi giri. Il monegasco Matteo Giaccardi (T. Giaccardi), che aveva condotto la finale fino a quel momento, ha comunque concluso al secondo posto, salendo sul podio (nella foto sotto) davanti al positivo Brando Pozzi (M2 Racing). La classifica: 1. Scognamiglio (130); 2. Pozzi (114); 3. Barbieri (105).

Ultimi giri molto accesi nella Finale X30 Mini, quando il britannico Jesse Phillips (Fusion Motorsport), in rimonta fin dal via, è arrivato alle spalle del leader, lo spagnolo Bosco Arias Chiavarri (Team Driver Racing Kart). La conclusione della gara non è però stata favorevole a Phillips, che durante la bagarre è scivolato al sesto posto. Arias Chiavarri ha perciò concluso da vincitore (sopra, sul podio) davanti al compagno di team, il rumeno Bogdan Cosma Cristofor, e al britannico Jorge Edgar (Fusion Motorsport). Nella stessa gara, la classifica dei piloti fino a 10 anni d’età è stata vinta dall’olandese Dean Hogendoorn (Kidix), davanti a Valerio Viapiana (Team Driver Racing Kart) e al connazionale Mason Brooks (Fusion Motorsport). La classifica: 1. Phillips (128); 2. Cecchetto (95); 3. Berezkin (79).

L’ultima Finale della giornata, quella della KA 100, è stata condotta per metà distanza dal canadese Zachary Taylor (GP Racing), che ha scavalcato al via la svizzera Chiara Battig (Kartbox.CH). Quest’ultima è riuscita a tornare in testa, per poi essere attaccata all’ultimo giro da Alessandro Cocozza (A. Cocozza), riuscito in extremis a vincere il duello, tagliando per primo il traguardo. A seguito di una penalizzazione inflitta a Battig, al secondo posto si è quindi classificato Matteo Melis (TB Kart Racing Team), che ha concluso davanti a Taylor. La classifica: 1. Battig (93,5); 2. Cocozza (71); 3. Battini (63,5).
Il terzo appuntamento della IAME Series Italy è in programma al circuito 7 Laghi, a Castelletto di Branduzzo (PV), nelle giornate pre-pasquali di venerdì 7 e sabato 8 aprile.

© Riproduzione riservata
Commenti