Pergolettese
Commenta

Villa: "Ribaltare il trend
negativo in trasferta"

Sabato 14 gennaio, prima trasferta del 2023 per la Pergolettese. Dopo l’entusiasmante vittoria in rimonta di domenica con il Lecco, i ragazzi di Alberto Villa rendono visita all’AlbinoLeffe (all’andata 2 a 0 per i gialloblù). L’ultima vittoria esterna risale al 16 aprile del 2022 (stagione ‘21-’22), con la vittora per 2-1 Meda col Renate. Da allora sono state 10 le trasferte con 3 pareggi e 7 sconfitte. L’obiettivo di riscattare questa statistica negativa rimane sempre prioritario. Anche Villa non nasconde la volontà nel voler ribaltare questo trend negativo: “Certamente è l’obiettivo primario. Siamo stati bravi domenica a portare a casa questi tre punti importanti, dopo un periodo sfortunato sotto il piano dei risultati; adesso è il momento di continuare su questa strada.”

La mancata vittoria in trasferta per il tecnico “deve essere uno stimolo maggiore per portare a casa un risultato importante, che per noi è fondamentale”. “A volte – ha aggiunto – siamo stati sfortunati, nonstante ottime prestazioni. fare una grande prestazione. L’ho sempre detto che i campionati si giocano in casa e fuori. Non possiamo pensare di giocarlo solo tra le mura amiche: sarebbe ora di portare a casa punti pesanti anche dalle trasferte.”

L’allenatore gialloblù non teme, dopo lo sforzo fisico – atletico di domenica scorsa, possa esserci un calo di tensione: “No non deve esserci perché abbiamo avuto cinque giorni per recuperare, per lavorare bene, per preparare la partita. La voglia di portare a casa un risultato importante, deve essere superiore a tutte queste situazioni che possono diventare alibi e che non servono a niente. E’un pregio giocare ad alto ritmo. Questa squadra è sulla velocità e sull’intensità che deve impostare le sue partite e il suo campionato. Non abbiamo l’esperienza per gestire le gare come la può avere il Pordenone, il Padova, il Vicenza o altre squadre importanti. Noi dobbiamo sempre andare a 1000 e dobbiamo cercare di portare a casa più punti possibile. Io penso che sia un vantaggio avere queste caratteristiche i ragazzi lo sanno, ne sono consapevoli.”

Sorvegliato speciale sarà l’attaccante Jacopo Manconi , goleador di razza e che è al terzo posto nella classifica marcatori del girone con 8 reti: “E’ un giocatore molto forte, ma come ce ne sono molti altri nell’AlbinoLeffe. Sono un gruppo che da anni giocano assieme, in una struttura societaria ben consolidata e lo dimostrano i risultati. Andremo ad affrontare una squadra giovane, molto organizzata e molto forte.”  Sulla sponda cannibale c’è pero’ Fabio Abiuso che, come è stato pubblicato, è il miglior realizzatore under 20 in tutta Italia: “Come ho detto anche domenica, Fabio ha potenzialità incredibili. Deve migliorare tanto, perché è un ragazzo di vent’anni e ha bisogno di lavorare ,se vuole crescere per andare in categorie importanti, nel calcio che conta. Sicuramente è un ragazzo che ha la testa e può farlo. Domenica ha fatto due gol, ma anche e sopratutto per lui, è importante la continuità. Nel calcio arrivare magari facile, ma poi rimanerci è difficile e quindi lui deve dare continuità alle prestazioni, aldilà del numero dei goal.”

“Il girone di ritorno – ha concluso – è un campionato diverso. C’è chi si è rafforzato e chi no. Poi bisogna vedere se ci sono vantaggi o svantaggi perché, nella maggior parte dei casi, quando cambi troppo vuol dire che le cose non vanno bene. Noi attendiamo di vedere se arriva qualcuno dal mercato, che possa darci una mano. La società sta lavorando, sta visionando parecchi profili, ma io e il mio staff, siamo contenti del gruppo che abbiamo. Questi siamo e con questo dobbiamo affrontare le prossime sfide per arrivare alla salvezza.”

© Riproduzione riservata
Commenti