Volley
Commenta

La Chromavis riparte dalla Sardegna:
sfida sul campo inviolato di Olbia

Inizierà dalla Sardegna il 2023 pallavolistico della Chromavis Eco DB, di scena domani a Olbia dove alle 17 sfiderà le padrone di casa dell’Hermaea allenate dall’ex Dino Guadalupi. Il match sarà valido come seconda giornata di ritorno del girone A di A2 femminile, con le neroverdi di Giorgio Bolzoni reduci dalle due vittorie consecutive di fine 2022 (3-0 a Mondovì e tie break vincente nel derby di Santo Stefano contro Cremona al PalaCoim). In classifica, Porzio e compagne sono none con 14 punti, due in meno di Olbia, sesta a quota 16 e imbattuta tra le mura amiche. Una trasferta, quella sarda, che per il sodalizio del presidente Cristian Bressan rievoca l’impresa dello scorso giugno, quando a Palau arrivò la storica promozione in A2. 

“La sosta – commenta coach Giorgio Bolzoni –  ci è servita per staccare qualche giorno e permettere alle ragazze di riprendersi da eventuali sovraccarichi. Abbiamo ripreso con buoni ritmi, tanto entusiasmo e voglia di lavorare. Olbia deve riscattare l’ultima sconfitta, per stare nella parte alta come tante formazioni deve battagliare ogni turno; rispetto all’andata, ma questo vale per tutti, si è rodata nel proprio gioco. Affrontiamo una trasferta impegnativa, ma abbiamo maggiore consapevolezza rispetto al duello di inizio campionato, sia per i risultati che abbiamo centrato sia per le cose che stiamo facendo. La prima partita dopo la sosta è sempre particolare, è un po’ come all’inizio del campionato e bisogna cercare il ritmo”.  La sosta ha portato anche due cambiamenti nel roster neroverde: in uscita la schiacciatrice Greta Pinali, approdata a Cesena in B1, mentre da Soverato (A2 girone B) è arrivata la centrale Alessia Pomili. 

L’AVVERSARIO – L’Hermaea ha terminato il 2022 con il ko in tre set a Milano contro il Club Italia (3-0) e ora proverà a rilanciare la propria corsa. “La pausa di tre giorni – commenta coach Dino Guadalupi, per due stagioni a Offanengo in B1 – ci ha permesso di ricaricare le batterie principalmente dal punto di vista mentale. Ci vogliono alcuni giorni di allenamento, comunque, per tornare a pieno ritmo sotto il profilo fisico e tecnico. La cosa più importante è che la pausa ci ha consentito di compiere una analisi approfondita sul cammino svolto fin qui. Prendendo spunto anche dall’ultima gara, abbiamo cercato di capire definitivamente su cosa possiamo basare nostre le nostre prestazioni per esprimerci con continuità sui picchi di performance raggiunti nelle gare in casa. Ci aspetta un periodo molto impegnativo con tante sfide ravvicinate, compreso il turno di qualificazione per la Coppa Italia, ed è particolarmente importante affrontarlo con idee chiare e basi solide su cui poggiare le prestazioni. Tutto questo a partire domenica, quando affronteremo un avversario in salute grazie agli ultimi risultati positivi e che sicuramente verrà a Olbia per giocare a viso aperto. Offanengo è una squadra organizzata, che è cresciuta molto nel gioco, ma che rimane tuttavia molto diversa da noi per caratteristiche tecniche e fisiche. Sarà fondamentale far prevalere i nostri punti di forza, soprattutto nella costruzione del gioco d’attacco”.

 

© Riproduzione riservata
Commenti