Personaggi
Commenta

Vialli, il campione fuori dal campo,
la malattia e il sogno Azzurro

Gianluca Vialli con i ragazzi di This Ability

La nuova vita di Gianluca Vialli, chiusa l’esperienza di campo prima con gli scarpini ai piedi e poi in panchina, inizia, di fatto, con il matrimonio: nel 2003, infatti, Vialli convola a nozze con l’ex modella sudafricana Cathryn White Cooper da cui ha avuto due figlie, Olivia e Sofia.

Dal 2004 svolge un’importante attività nel campo sociale avendo creato, insieme a Massimo Mauro e Cristina Grande Stevens, la Fondazione Vialli e Mauro per la Ricerca e lo Sport Onlus, che ha lo scopo di raccogliere fondi per la ricerca sulla Sclerosi laterale amiotrofica (morbo di Lou Gerhig) e sul cancro, attraverso la fondazione ARISLA, l’associazione AISLA e la FPRC.

Sempre in tema di sociale, dal 2019 il cremonese è ambasciatore e portavoce di Thisability. Toccante ed emozionante la serata in piazza Marconi in cui Gianluca ha aperto il suo cuore ai cremonesi parlando del tumore al pancreas che oggi l’ha portato via commuovendosi.

Una battaglia anticipata nel suo libro “Goals: 98 storie + 1 per affrontare le sfide più difficili”. Un libro in cui racconta proprio la lotta contra la malattia. In precedenza aveva già pubblicato “The italian job” in cui analizzava le differenze tra il calcio italiano e quello inglese prima di raccontare la stagione dello scudetto alla Sampdoria insieme a Roberto Mancini, amico fraterno e gemello del gol in blucerchiato (“La bella stagione”).

Proprio Mancini che da ct della Nazionale maggiore l’ha voluto come capodelegazione azzurro anche durante gli Europei vinti nel 2021 a Wembley, dove, proprio con lo stesso Mancini, aveva visto sfumare l’obiettivo Coppa dei Cmapioni quando insieme giocavano nella Sampdoria. Un ruolo importante, una figura che ha ispirato i calciatori durante Euro2020 con discorsi profondi e gag divertenti, come quella di farsi “dimenticare” dal pullman. Un incarico lasciato a metà dicembre per concentrarsi sulle cure.

Vialli ha affiancato negli anni anche l’attività di imprenditore. Tra i progetti anche Tifosy, una società fornisce servizi di consulenza e soluzioni di capitale per l’industria sportiva, con sede a Milano e Londra. Il cremonese è stato anche a lungo commentatore per Sky.

© Riproduzione riservata
Commenti