Basket
Commenta

Vanoli, dalla sofferenza
alla rinascita in A2

Un anno in chiaroscuro il 2022 della Vanoli Cremona. Tanta sofferenza nei primi mesi dell’anno, con infortuni e scelte infelici che decretano il ritorno della squadra in serie A2 dopo 13 campionati nella massima serie, la rinascita, le vittorie e un cammino in crescendo nel secondo semestre. Così la Vanoli può guardare al 2023 con fiducia e speranza dopo mesi di sofferenza.

L’avvio del 2022, sulle ceneri di un autunno poco convincente, non è dei migliori. Il roster più volte rimaneggiato per porre rimedio agli errori iniziali, viene ulteriormente impoverito dall’infortunio al crociato di Andrea Pecchia, uno degli uomini più prolifici a referto, e dalle condizioni sempre precarie di capitan Poeta. Il talento di Matteo Spagnolo, play giovanissimo e ancora acerbo per il campionato italiano, non basta per trovare punti salvezza e gli inserimenti in extremis di giocatori di esperienza non salvano la Vanoli dal suo triste destino: dopo 13 anni di massima serie e con tre giornate d’anticipo torna in A2, conclude il campionato al 16° e ultimo posto.

Il calore del PalaRadi e l’affetto per la squadra, capace di trovare la vittoria nell’ultima gara stagionale con Trento, convince la società a ripartire e reinvestire su un nuovo ciclo per riportare a Cremona il basket professionistico. Il presidente Vanoli chiede ad Andrea Conti di tornare in biancoblù e gli affida il ruolo di GM per il nuovo corso. Oltre ad Andrea Pecchia, con davanti una lunga riabilitazione ma un ruolo da capitano, rimane solo il gruppetto di giovanissimi, capitanati da Filippo Gallo, e tanta voglia di riemergere.

Arriva Demis Cavina e con lui elementi di spessore che giocano un basket divertente e propositivo. Fin da subito la Vanoli si mette in mostra per la qualità di un roster profondo e versatile con cui conquista il primo trofeo in palio per la nuova stagione, la Supercoppa di Lega A2, battendo l’Allianz Pazienza san Severo 71-67. E’ Andrea Pecchia ad alzare la coppa squadra insieme ad Aldo Vanoli, mentre Paul Eboua viene premiato come miglior marcatore della finale e Trevor Lacey come Mvp.

Per tutto il girone d’andata la squadra di Cavina tiene un buon ritmo, mantenendosi sempre nelle prime posizioni, arrivano solo tre sconfitte, tutte in trasferta, Torino Treviglio e Piacenza, e il PalaRadi resta imbattuto. Cremona perde per infortunio uno dei suoi americani Trevor Lacey, ma arriva al suo posto l’esperto Tabu. La Vanoli si affaccia al  2023 dopo una vittoria su Pistoia e l’accesso alle Final Four di Coppa Italia e soprattutto con il ritorno in campo del capitano Andrea Pecchia a 9 mesi dalla rottura del crociato.

Cristina Coppola

© Riproduzione riservata
Commenti