Altri Sport
Commenta

Successo nello sport, in Regione
premiato il cremasco Marco Villa

Tre storie di successo nello sport premiate oggi a Palazzo Pirelli, tra cui il cremonese Marco Villa, commissario tecnico degli azzurri del ciclismo. Le premiazioni sono state fatte, nella pausa dei lavori del Consiglio regionale, dal presidente Alessandro Fermi (Lega), dalla vice Francesca Brianza (Lega) e dal Consigliere Matteo Piloni (PD), insieme al Sottosegretario con delega allo Sport Antonio Rossi.

Insieme a villa, il riconoscimento per meriti sportivi in ambito ciclistico su pista e su strada è stato consegnato anche ad Alessandro Covi (vincitore tappa lombardo del Giro d’Italia 2022) e Stefano Oldani (vincitore tappa lombardo del Giro d’Italia 2022).

“Alessandro, Stefano e Marco sono tre ‘eccellenze’ lombarde – ha dichiarato il Presidente Fermi -. Tre storie di successo, tre storie diverse, accomunate però dalla stessa idea di sport: i sacrifici, i durissimi allenamenti e la determinazione, che gli hanno permesso di ottenere risultati straordinari. Tre storie che ci insegnano che il successo, nello sport come nella vita, si può e si deve raggiungere con il lavoro e l’impegno, senza scorciatoie. Per questo Alessandro, Stefano e Marco sono un esempio per tutte le ragazze e tutti i ragazzi che si avvicinano ad un’attività sportiva”.

Il premio al Commissario tecnico Villa, è stato proposto dal Consigliere Matteo Piloni: “Ho proposto di premiare Marco Villa, ct della nazionale del ciclismo su pista, insieme al Sindaco di Montodine Alessandro Pandini, presente alla cerimonia, per ringraziarlo e per sottolineare gli importanti traguardi e risultati raggiunti da lui e dal suo team. È importante – ha detto Piloni- dare visibilità a questo sport, così radicato sul nostro territorio e che esprime un grande protagonista come Villa. In questo senso vedo molto importanti i lavori per il recupero dello storico velodromo di Crema per restituirlo allo sport e al ciclismo su pista”.

Alla premiazione, che si è svolta al ‘Piano della Memoria’ di Palazzo Pirelli, fra gli altri, erano presenti anche: Cordiano Dagnoni (Presidente federale Federciclismo), Stefano Pedrinazzi (Presidente regionale Federciclismo), Miriam Bianchi (Consigliere del Comune di Montodine), Marco Tresca (Consigliere del Comune di Taino).

PALMARES DI VILLA – Quattro medaglie d’oro, tre d’argento e il secondo posto (dopo l’Olanda) nel medagliere. È questo il “bottino” della Nazionale italiana di ciclismo su pista che si sono svolti a Saint-Quentin-en-Yvelines, in Francia, lo scorso ottobre. Autore di questo straordinario risultato è Marco Villa, Commissario tecnico degli azzurri. Originario di Montodine, in provincia di Cremona, cresciuto sulla pista del velodromo di Crema, da corridore è stato due volte campione del mondo nell’Americana in coppia con Silvio Martinello, ha vinto per tre volte la Sei giorni di Milano e ha vinto un bronzo alle Olimpiadi di Sydney del 2000. Da Commissario tecnico (carica assunta nel 2018) rilancia il ciclismo su pista in Italia (anche grazie Record dell’Ora di Filippo Ganna) e da quest’anno si occupa anche del settore femminile che ha portato a vincere la maglia iridata nell’inseguimento a squadre, il primo titolo mondiale della storia. L’obiettivo, adesso, sono i giochi olimpici di Parigi 2024.

 

© Riproduzione riservata
Commenti