Cremonese
Commenta

Cremo, la quota salvezza
si abbassa ma il ritardo è ampio

Non era mai successo, da quando il campionato di Serie A è a 20 squadre, che la somma dei punti delle ultime tre in classifica alla 15esima giornata fosse inferiore ai 20 punti, come invece è in questa stagione. Escludendo dall’analisi le annate 2004/05 e 2005/06, segnate dalle sentenze di Calciopoli, la somma complessiva minore dopo questo campionato (18) è stata registrata nel 2014/15 e 2016/17 (20).

Solo in un’altra occasione (2016/17) nessuna squadra aveva raggiunto la doppia cifra a questo punto del torneo, mentre nel 2012/13 lo erano tutte e tre le ultime della classe. In un caso (2014/15) il Parma non aveva ancora conquistato nessun punto.

In questo torneo si registra anche la distanza più ampia tra la terzultima in classifica (in questo caso la Cremonese) e la quartultima, ultima piazza utile per salvarsi: 6 punti. Mai, nei 16 campionati a 20 squadre (dal 2006/07) alla 15esima giornata c’era un divario superiore ai tre punti (2011/12), mentre in tutti gli altri casi oscillava tra zero, uno (entrambi in sei campionati) e due punti (in tre tornei).

Allargando lo sguardo alla lotta salvezza, emerge come solo in tre campionati su 16 a fine stagione sono retrocesse tutte e tre le squadre che occupavano gli ultimi posti alla 15esima giornata (2011/12, 2013/14, 2015/16). La quota salvezza più bassa, invece, è stata quella dell’ultima Serie A quando alla Salernitana sono bastati 31 punti per mantenere la categoria. Nel 2006/07 serviva la “fatidica” quota 40, sfiorata anche nel 2015/16 e nel 2018/19 (39 punti).

Se da un lato, dunque, la Cremonese può consolarsi con il fatto che raramente tutte le formazioni agli ultimi tre posti dopo 15 turni sono retrocesse e che la quota salvezza presenti una diminuzione tendenziale. Al tempo stesso, però, il ritardo dal quartultimo posto, pur avendo ancora 23 gare a disposizione, non era mai stato così ampio. Servirà dunque un cambio di passo alla ripresa del campionato per tentare la rimonta.

© Riproduzione riservata
Commenti