Basket
Commenta

Vanoli, c'è il ritorno
di Jonathan Tabu

E’ Jonathan Tabu l’innesto operato dalla Vanoli dopo l’infortunio di Trevor Lacey. Play-guardia di 185 centimetri, Tabu è nato a Kinshasa (Repubblica Democratica del Congo) il 7 ottobre 1985 e ha cittadinanza belga.

Quello di Tabu è un gradito ritorno a Cremona in maglia Vanoli. Il giocatore belga ha infatti già indossato i colori biancoblù nella stagione 2011-2012, contribuendo in modo decisivo alla salvezza in serie A con 330 punti, 110 rimbalzi e 91 assist in 32 partite disputate, con un high di 22 punti e 27 di valutazione nella vittoria 83-80 al PalaRadi con la Virtus Bologna il 12 febbraio 2012.

Giocatore di grande esperienza internazionale, prodotto del vivaio dello Spirou Charleroi con il quale ha vinto tre campionati e una coppa nazionale e ha disputato ULEB Cup ed Eurocup, arriva per la prima volta in Italia nel 2010, a Cantù, dove si ferma due stagioni (2010-2011 e 2012-2013), intervallate, come detto, dal campionato in maglia Vanoli. Di ritorno da Cremona vince la Supercoppa italiana e gioca, con i brianzoli allenati da coach Trinchieri, oltre al campionato anche l’Eurolega dove mette a segno un high di 17 punti contro il Panathinaikos.

Dopo un anno in Spagna, al Saragozza, firma nel 2014 per l’Alba Berlino, con cui disputa anche l’Eurolega, finendo poi la stagione in Italia con dieci presenze all’Olimpia Milano. Dell’anno successivo è il ritorno in ACB, prima al Fuenlabrada e poi al Bilbao per due stagioni, giocando anche l’Eurocup.

Nel 2018-2019 si trasferisce per la prima volta in Francia: a Le Mans il primo anno, disputando anche la Basketball Champions League, e a Le Portel il secondo. La sua terza firma in Francia, nel dicembre 2021 a Chalons-Reims, è intervallata dal nuovo ritorno in terra iberica, nel 2020, al Baxi Manresa. Nel febbraio 2022 torna a giocare in Belgio al Limburg United per poi iniziare l’attuale stagione al Circus Brussels. Con la squadra nazionale belga, dal 2008 a oggi, ha disputato cinque edizioni dei campionati europei oltre alle varie qualificazioni ai campionati del mondo.

© Riproduzione riservata
Commenti