Basket
Commenta

La Vanoli ad Agrigento vince
66-73 con un super Cannon

La prima trasferta della Vanoli Cremona, sul difficile e caldissimo campo di Agrigento, termina con una vittoria dei biancoblù che si impongono 66-73 al termine di una partita tiratissima decisa solo nel finale dai canestri di Jalen Cannon. I ragazzi di coach Cavina faticano nel primo tempo a contrastare l’intensità dei padroni di casa ma, nella seconda frazione di gioco, ritrovano ritmo offensivo e alta concentrazione difensiva così da portare a casa la vittoria.

LA CRONACA – Nel primo quarto è soprattutto Agrigento a fare la partita. La maggior precisione da oltre l’arco (4/5) dei padroni di casa scava un primo minibreak a loro favore al 10’ (21-14). La Vanoli in questi primi minuti fatica in attacco (6/14 dal campo) e produce anche quattro palle perse. Un parziale di 9-2 di Cremona nei primi tre minuti del secondo quarto, grazie alle triple di Piccoli e Denegri e al gioco da tre punti di Caroti (23-25), costringe coach Cagnardi al time out. La partita procede poi in equilibrio sino all’intervallo lungo con la Vanoli che cerca e trova i canestri di Cannon sotto canestro e Agrigento che, con Marfo, mette i quattro punti con cui si chiude la prima frazione di gioco (35-32). Alla ripresa del gioco l’attacco di Cremona comincia a funzionare anche da oltre l’arco. La Vanoli si riporta così, a più riprese, in vantaggio ma Agrigento è sempre brava a rientrare. Al 30’ è 50-55 grazie all’ultimo canestro di Denegri. Nel quarto periodo Cremona prende un primo vantaggio sul 55-61 ma Agrigento rientra con due canestri immediati. Sono ancora i biancoblù a staccarsi sul 59-66 con Cagnardi che chiama time out. Agrigento non molla fino al termine ma la Vanoli si affida ancora una volta a Jalen Cannon che chiude l’incontro con 7 punti filati che fissano il punteggio finale sul 66-73.

I PROTAGONISTI – La Vanoli trova una grande partita da Cannon, ben supportato da Denegri, Caroti, Piccoli e Mobio. Agrigento ha come protagonisti Marfo, Grande, Ambrosin e Chiarastella.
IL DATO – Cremona tira 14 su 31 da oltre l’arco e 13 su 27 da due, ben bilanciando il proprio attacco, oltre a capitalizzare tutti i 5 liberi tirati. La Vanoli perde 11 palloni ma la sua difesa forza 17 palle perse ai padroni di casa.
IL MOMENTO CHIAVE – Nel quarto periodo la Vanoli stringe ancor di più la sua difesa e dopo aver aperto il campo con le conclusioni di Caroti e Mobio torna al gioco interno sfruttando la presenza nel pitturato di Cannon che risulta decisiva per chiudere l’incontro.
IL COMMENTO – Coach Cavina al termine della partita: “E’ stata una partita di carattere dove abbiamo disputato un primo tempo con tanti errori, pur avendoci messo grande intensità. Abbiamo invece giocato un secondo tempo diverso dove abbiamo segnato i tiri con i piedi per terra che dovevamo mettere e che avevamo sbagliato nel primo tempo ma dove, soprattutto, abbiamo capito che livello di energia serviva per vincere qui ad Agrigento. Faccio i complimenti a loro per la partita che hanno giocato e per la grande energia che abbiamo trovato al Palazzetto. Sono molto contento perché è una vittoria che vale tanto”.

© Riproduzione riservata
Commenti