Senza categoria
Commenta

Volley B1, per Ostiano
esordio proibitivo in casa

L’attesa è finita, domani, sabato 8 ottobre, alle 18, la Fantini Folcieri Ostiano farà il proprio debutto in campionato ospitando tra le mura amiche del PalaVacchelli il Blu Volley Team Pavia di Udine. La prima giornata del girone C della serie B1 femminile oppone le ragazze di coach Alberto Leali ad una delle favorite per il passaggio di categoria, una sorta di battesimo del fuoco che Focaccia e compagne vogliono affrontare al meglio, senza timori reverenziali, decise a mettere in chiaro da subito che passare dal PalaVacchelli sarà difficile per chiunque.
Il precampionato ha detto che Ostiano è formazione solida che se gioca al meglio delle proprie possibilità può davvero essere avversario ostico da superare. La batteria di posti quattro ha dimostrato di essere di primissima fascia e nonostante qualche acciacco fisico, al centro, Focaccia e Barbarini garantiscono rendimenti da top player. La diagonale Rizzieri-Zonta ha già fatto capire di avere l’intesa giusta per far male ed il binomio Volta-Riccardi dà solidità alla seconda linea.
Di contro il Blu Volley ha costruito una corazzata con un sestetto da spavento su cui spicca il nome di Giulia Pascucci, schiacciatrice con un curriculum fatto tutto di serie A da protagonista ed ora nemico pubblico numero uno del muro-difesa ostianese. Manni, in palleggio, cercherà di innescare un opposto potente e navigato come Pagotto mentre al centro occhio ai centimetri ed alla velocità di Cecco e Marcuzzi.
La sfida è subito di quelle proibitive ma l’esordio davanti al pubblico amico sarà un incentivo ulteriore per le cremonesi.

LE FORMAZIONI

Fantini Folcieri Ostiano: Rizzieri, Bosso, Barbarini, Zonta, Vidi, Focaccia, Volta (L). Bocchi, Furlan, Martinelli, Frigerio, Viccardi, Riccardi (L). All. Leali.
Blu Volley Team Pavia di Udine: Pecorari (L), Manni, Ollini, Franceschinis, Sangoi, Oco, Bertolla, Cecco, Marcuzzi, Pascucci, Morettin (L), Pagotto, Ponte, Blasi (L). All. Castegnaro.
Arbitri: Coppola e Mantegna.

© Riproduzione riservata
Commenti