Volley
Commenta

Volley serie A2, la Chromavis
tiene testa all'Innsbruck

CHROMAVIS ECO DB-TI INNSBRUCK 2-2 (26-24, 24-26, 25-14, 21-25)

CHROMAVIS ECO DB: Galletti 5, Bartesaghi 14, Cattaneo 6, Martinelli 12, Pinali 2, Menegaldo 5, Porzio (L),  Trevisan 10, Anello L. 9, Casarotti 2, Marchesi 2, Anello I. 4, Tommasini (L). All.: Bolzoni

TI INNSBRUCK: Walter 11, Beer, Caria 4, Kropfl (L), Lasic 7, Plattner 6, Fedchuk 13, Janka 6, Brindlinger 2. All.: Hernandez

Sabato di volley internazionale al PalaCoim di Offanengo, sede dell’allenamento congiunto tra le padrone di casa della Chromavis Eco DB (militanti in A2 femminile) e il TI Innsbruck, formazione della massima serie austriaca. 

Il test match informale ha visto il debutto del taraflex rosa, posato in settimana dal Volley Offanengo e che ospiterà tutte le gare di campionato del sodalizio del presidente Cristian Bressan. Contro le austriache allenate da Rogerio Hernandez, la Chromavis Eco DB ha messo in mostra ottimi spunti di pallavolo nella sua seconda uscita del pre-campionato. 

La prima parte di partita è stata un’autentica battaglia punto a punto, come testimoniano i due arrivi ai fotofinish, con un doppio 24-26 (equamente spartito tra le due formazioni). Offanengo autoritaria nel terzo parziale (vinto 25-14), mentre Innsbruck ha chiuso con il sorriso spuntandola 21-25 nel quarto set nonostante una pregevole rimonta cremasca.

Nella metà campo neroverde, sono state utilizzate tutte le tredici giocatrici della rosa. Top scorer, la schiacciactrice Giulia Bartesaghi con 14 punti, in doppia cifra insieme alla compagna di reparto Francesca Trevisan (10) e all’opposta Martina Martinelli, che ha messo a terra 12 palloni. 

“E’ stato – commenta coach Giorgio Bolzoni – un altro test utile e che ha fornito spunti su cui lavorare per continuare a crescere. Innsbruck ha giocato una buona partita, con aggressività. Noi siamo lavorando tanto in palestra ed è normale che alcune situazioni non siano ancora fluide. La squadra, però, deve crescere nell’aggressività agonistica, una parte difficile da allenare e che deve partire da ogni giocatrice. Nel suo complesso, per noi è stato un set sufficiente”.

Nelle foto di Matteo Benelli, alcuni momenti dell’allenamento congiunto del PalaCoim tra la Chromavis Eco DB e Innsbruck

© Riproduzione riservata
Commenti