Cremonese
Commenta

Bianchetti: "Dobbiamo insistere
e lavorare sulle nostre idee"

Matteo Bianchetti nella tarda mattinata di oggi ha incontrato i giornalisti nella sala conferenze del Centro Sportivo “Giovanni Arvedi”. Bianchetti parla dell’avvio di campionato con due punti in sette partite: 

“Sapevamo che si sarebbe trattato di un avvio difficile e tosto, qualche punto in più avrebbe fatto bene per la fiducia. Comunque dobbiamo insistere e lavorare sulle nostre idee: le partite da vincere, i cosiddetti scontri diretti, arriveranno ora. C’è un po’ di rammarico, ma a parte con la Lazio che è stata una giornata no abbiamo sempre fatto le partite nel modo corretto. La serenità quindi non ci manca”.

“Con la Lazio – aggiunge – abbiamo fatto bene i primi venti minuti, poi, dopo il secondo gol, abbiamo perso un po’ di fiducia e le distanze. Non dimentichiamo che questo è un gruppo nuovo composto anche da con tanti stranieri e in momenti particolari come quelli anche comunicare messaggi come “non molliamo, restiamo concentrati” a volte può incontrare difficoltà. Ma sono convinto si sia trattato di un momento di smarrimento: dobbiamo resettare e continuare a pensare che nelle precedenti sei partite abbiamo disputato buone prove. Ora stiamo curando molto la parte fisica e atletica, dalla prossima settimana, con il rientro dei tanti nazionali, ci concentreremo invece sul Lecce sapendo che si tratta del nostro primo scontro diretto”.

Il difensore spiega quindi come è stato passare da una difesa a 4 a quella  3: 
“Si tratta di sistemi diversi, come è diverso giocare a uomo. Il mister ha insistito fin dall’inizio su questi concetti e secondo me siamo arrivati a buon punto nell’eseguire quanto richiesto. Resta fondamentale, però, arrivare a conoscere a fondo i propri compagni e per questo serve un po’ di tempo. La conoscenza è fondamentale, soprattutto in A dove al minimo errore ti puniscono”.

Il classe 1993 racconta quindi del rapporto con i compagni che non parlano italiano: 
“E’ chiaro che a livello comunicativo qualche difficoltà la si possa incontrare, ma è anche un’opportunità per affinare il mio inglese. La verità è che tutti i ragazzi si stanno impegnando tanto per imparare l’italiano e questo è fondamentale anche per conoscersi a fondo al di fuori dal campo e fare tesoro di pregi, difetti e aspetti caratteriali di ciascuno”. “Tutti – ha aggiunto – ci sentiamo presi in grande considerazione e quando siamo chiamati cerchiamo sempre di dare il nostro meglio. Questo vale anche per chi finora ha trovato meno spazio di altri. Penso di poter dire che abbiamo dimostrato di poter fare la Serie A anche noi”.

Sulla sua posizione in campo, Bianchetti spiega: 
“In Serie B è meno complicato perché puoi far valere l’esperienza, se vogliamo anche la furbizia oltre alle caratteristiche tecniche e atletiche; in A è tutto diverso a cominciare dal motore e dalla qualità. Comunque in alcune partite, in base all’avversario che potrei trovarmi davanti, penso di poter fare anche il terzino. Il livello è simile al passato è cambiato invece il gioco, ci sono diverse squadre che come noi giocano a uomo. Poi è cambiato a livello fisico”

A livello personale sottolinea: 
“Sono contento, il mister mi sta dando l’opportunità di giocare: sono sceso in campo 5 volte su 7 ricoprendo diversi ruolo, il mister mi sta tenendo in considerazione e io sono contento di poter dare una mano. 
Io sono un fan di Dzeko, per caratteristiche: non è facile marcarlo. E poi Immobile. Con il mister c’è un ottimo rapporto, in questi mesi ha fatto un grande lavoro. E’ un allenatore che trasmette, oltre alle nozioni, passione e empatia”.

© Riproduzione riservata
Commenti