Altri Sport
Commenta

Mennea Day, ricordando l'esempio
di Pietro corsa gioiosa in Baslenga

Mennea Day anche a Casalmaggiore, così come in altre località della Lombardia e d’Italia, per ricordare Pietro “Magno”, Pietro Mennea, il campionissimo dell’atletica azzurra, movimento che proprio un anno fa a Tokyo ha rinverdito quei fasti.

Detentore per vent’anni del record del mondo sui 200 metri (e tuttora imbattuto in Europa sulla stessa distanza), Mennea viene celebrato a settembre dalle scuole, che mandano i loro studenti sui campi d’atletica leggera per fare provare proprio ai ragazzi i 200 metri. L’edizione numero 10 a Casalmaggiore ha avuto una partecipazione più scarna rispetto al passato, per un disguido tecnico non dovuto alla volontà dell’Atletica Interflumina che ha organizzato, ossia la mancanza in molte classi – anche ora che le lezioni sono iniziate – del professore di educazione fisica.

Poco male, erano presenti due classi del Polo Romani e chi s’è presentato in Baslenga venerdì (il Mennea Day cade il 12 settembre, giorno del record a Città del Messico nel 1979, ma ognuno si è poi organizzato col proprio calendario) si è divertito e ha onorato la memoria di Pietro Mennea, al quale è intitolata una Fondazione che aiuta ragazzi talentuosi (nello sport ma anche nella scuola), cresciuti però in ambienti svantaggiati. Un saluto telefonico è giunto da Manuela Olivieri, avvocato e moglie di Mennea, che lo scorso anno era presente proprio al campo scuola “Paolo Corna” di Casalmaggiore.

G.G. (video Alessandro Osti)

© Riproduzione riservata
Commenti