Basket
Commenta

La Juvi fa la storia, battuta
San Miniato 56-47, è A2!

La Juvi Ferraroni Cremona trionfa 56-47 in Gara 4 contro San Miniato e guadagna la promozione in A2. In un PalaRadi gremito e incandescente la zampata al risultato arriva dal capitano Vacchelli e da Bona con 13 e 11 punti, a nulla servono i 18 di Lorenzetti.

In avvio e per tutta la durata del primo quarto Juvi e San Miniato giocano in perfetto equilibrio: pochi canestri e i gigliati con uno 0/3 dall’arco sono costretti ad inseguire di fronte alla caparbietà toscana. Coach Crotti cambia spesso i suoi esterni e a fare la differenza è Gobbato, per l’Etrusca 6 punti su 14 di Mastrangelo e tanta difesa corale su i cambi e sotto canestro. Dopo i primi 10 minuti di orologio ad essere avanti sono però i toscani con un punteggio che recita 10-14.

Nel secondo quart0 la Juvi si desta e apre un parziale di 7-0 che San Miniato riesce a chiudere con una bomba dall’arco che vale il 20-17. I toscani provano ad invertire la rotta ancora dalla difesa con raddoppi e aiuti e risalgono la china sempre guidati da Mastrangelo e dall’esplosivo Lorenzetti. Per la Juvi sale in cattedra Bona insieme al post di Preti che valgono il 29-25 all’intervallo.

Un terzo periodo ancora in perfetto equilibrio quello tra JuVi Cremona e San Miniato, i gigliati continuano a litigare con i tiri dall’arco (3/11) e i toscani giocando sulla fisicità e i blitz in area rimangono in scia rimontando e pareggiando i conti sul 32-32. Fumagalli prova a dare una scossa alla gara con le sue accelerazioni dal palleggio, ma l’Etrusca si adegua subito e in attacco, grazie agli isolamenti di Benites, non molla la presa. Cremona riesce a chiudere avanti 40-38 alla mezzora dopo un finale di quarto nervoso e tanti falli in attacco a sprecare possessi.

Il quarto periodo inizia con una pessima notizia per la Juvi: 4 falli di Bona che viene subito panchinato. La risposta Juvina però arriva dal capitano Vacchelli che sigla 3 bombe di fila che spezzano il fiato a San Miniato. Il capitano di Cremona è una furia su tutti i palloni in difesa, ma per i toscani c’è sempre un Lorenzetti indiavolato inarrestabile. Se dal lato gigliato però i remi non accennano a rientrare in barca, non si può dire lo stesso dell’Etrusca che sotto 56-47 non trova più le forze e soprattutto i canestri per rientrare: vince la JuVi Cremona 56-47 e guadagna la storica promozione in A2.

Lorenzo Scaratti

 

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti