Basket
Commenta

Vanoli vincente grazie ad un super
primo tempo e freddezza mentale

La Vanoli Cremona inizia nel migliore dei modi il girone di ritorno con la vittoria contro Venezia 85-82. Primo quarto dominato per 29-14 con anche un parziale di 21-6 e, nel complesso, una grande vittoria che dà fiducia nei propri mezzi e porta punti importanti. In più di una occasione coach Paolo Galbiati, ma anche lo stesso Portaluppi, hanno rimarcato come Cremona avesse una buona qualità offensiva e peccasse difensivamente, ma la prova emersa nel primo giro di orologio ha convinto. La Reyer ha tirato con 3/13 dal campo e 8/11 ai liberi faticando spesso a trovare la via del canestro.

Mappa al tiro del match. Legabasket.it

I biancoblù hanno messo la giusta intensità, soprattutto dentro il pitturato mettendo le mani addosso all’avversario senza sforzare troppo i falli. Certo, quando sotto canestro arrivava Watt era un’altro paio maniche, ma nel complesso il 29-14 di primo quarto ha poi creato le basi per il resto del primo tempo. Una partita dai due volti con Cremona in grado di condurre e convincere per due tampi: Harris su ogni palla vagante, Dime con le sue stoppate a difendere il pitturato e Spagnolo libero di scatenare la sua vena realizzativa.

Team Lead della gara, Legabasket.it

Nel secondo tempo poi il risveglio dei veneziani. Un parziale di 14-30 con Bramos, Sanders e Theodore in grado di rialzare le percentuali da tre e in un solo quarto la Reyer ha dato l’impressione a tutti di poter vincere la gara. La solidità mentale degli uomini di Galbiati ha permesso di valicare anche una brutta serata da 3 (31.6%), mettendo però i tiri pesanti come quello allo scadere di Cournooh. Spagnolo, Pecchia, Poeta e proprio Cournooh hanno siglato 60 punti insieme, ma sono arrivati grandi segnali anche dal gruppo americano, sopratutto da Harris. Zero minuti per Sanogo, qualità a sprazzi per Tinkle, ma il vero capolavoro del gruppo straniero è della coppia Dime-McNeace: i due lunghi si gestiscono bene Echodas e Watt, rendendogli difficile la vita al pitturato e facendo pressione sotto canestro. Dime si prende anche il lusso di fare due stoppate, una invece McNeace.

Per Venezia paradossalmente il più grande apporto alla gara è arrivato dal neo arrivato Jordan Theodore: 18 punti in 27 minuti con delle grandi percentuali dal campo e lunghi tratti di dominio in campo.Come ha ribadito De Raffaele in conferenza stampa, l’apporto della squadra è mancato in più occasioni, ma soprattutto quando più contava, basti vedere l’errore in campo aperto di Tonut o la schiacciata sbagliata di Echodas. I lagunari nel primo tempo praticamente non sono scesi in campo, subendo passivamente il gioco dei padroni di casa.

Tabellino completo della partita, Legabasket.it

Lorenzo Scaratti

© Riproduzione riservata
Commenti