Vanoli
Commenta

La Vanoli torna a vincere, Sassari
battuta 89-80, 28 di Pecchia

Foto Sessa
Matteo Spagnolo al tiro FOTO SESSA

Vanoli Cremona: Agbamu N.E, Dime 6, Harris 13, Sanogo, Mcneace 4, Gallo N.E, Pecchia 28, Poeta 11, Spagnol 12o, Zacchigna N.E, Tinkle 11, Cournooh 4

Dinamo Sassari: Logan 11, Robinson 13, Kruslin 2, Gandini, Devecchi 6, Treier 14, Chessa N.E , Burnell 2, Bendzius 13, Mekowulu 3, Gentile 15, Diop 1

 

Per la prima volta dopo tempo Galbiati ha a disposizione quasi tutto il roster, tranne Miller: tante soluzioni offensive, rotazioni in grado di far rifiatare tutti e arriva così la prima vittoria del 2022.  Pecchia ne segna 28 con 9 rimbalzi e 5 assist, 11+7 assist per Poeta. Tra le fila di Sassari 15 di Gentile e 14 di Treier.

Sassari parte meglio con Bendizus e Robinson, Cremona inizia lenta, ma con l’ingresso in campo di Poeta si accende e dopo 10′ è sul 15-20. L’offensiva cremonese è tutta sopra il ferro e con veloci contropiede dalle palle recuperate grazie alla difesa. La Vanoli chiude infatti con un 1/6 dalla lunga distanza ed un 100% da due.

Nel secondo giro di orologio Sassari prova ancora ad andare avanti grazie a 6 punti di Logan, chirurgico quando necessario. Gli ospiti allungano così 23-34 costringendo la Vanoli a schierare Poeta: con il capitano tornano i voli sopra il ferro di Dime e il giro palla pericoloso. Cremona passa dal 31-34 al 35-36 prima di andare a riposo nell’intervallo. Il top scorer biancoblù è Andrea Pecchia con 14 punti e 5 rimbalzi, l’ala ha monetizzato possessi ed extra possessi nel pitturato avversario grazie anche a Poeta e i suoi 5 assist.

Cremona torna sul parquet rivitalizzata e con una grande difesa dentro l’area coordinata da Dime. In attacco pochi fronzoli e tanta concretezza valgono un 13-2 (48-38). Sassari chiude il parziale solo grazie ai liberi di Robinson dopo l’antisportivo di Spagnolo. Seppur con qualche difficoltà Cremona tiene a bada Sassari e agli assalti di Logan chiudendo avanti 61-54 alla mezzora.

Cremona continua la sua marcia nel quarto periodo, sotto i riflettori questa volta è Matteo Spagnolo. La Vanoli è un tritasassi soprattutto in campo aperto. Il miglior realizzatore è ancora Pecchia che aggiusta il suo massimo in carriera con i 28 punti segnati. Sassari non riesce più a rientrare e cede 89-80, i biancoblù tornano così a vincere in campionato.

Lorenzo Scaratti

MVP – Andrea Pecchia finisce la sua gara con 48 di valutazione frutto di 28 punti con l’83% dal campo, 9 rimbalzi, 5 assist, 3 recuperi e 8 falli subiti per +17 di plus/minus. Ma, al di là delle cifre, vi è anche il grande lavoro prodotto in difesa sugli esterni di Sassari.

 

I PROTAGONISTI – Per Cremona vanno in doppia cifra anche Harris con 13, Spagnolo con 12, Tinkle e Poeta con 11. Per il capitano sono sette gli assist per i compagni. Dime mette a referto 4 stoppate. Sassari ha 15 punti da Gentile, 14 da Treier, 13 a testa da Robinson e Bendzius e 11 da Logan. Il migliore nei rimbalzi è Bendzius con 7, 4 assist a testa per Robinson e Gentile.

IL DATO – Cremona ha il merito, grazie all’energia messa in campo, di vincere a rimbalzo 44-31 contro una squadra molto fisica. La Vanoli tira bene da due punti (64.6%, 31/48) cercando con pazienza la giusta opportunità. Sassari si ferma al 33.3% (12/36) compensando il tutto con 6 triple (11/28 contro 5/20) e con 11 liberi (23/26 contro 12/15) in più di Cremona. Il saldo palle perse/palle recuperate è a favore della Vanoli (14/12 contro 15/7) così come quello degli assist (20 a 16).

IL MOMENTO CHIAVE – Il terzo quarto della Vanoli indirizza la partita nel verso giusto per Pecchia e compagni, grazie soprattutto al parziale iniziale di 13-2. Cremona è poi brava a mantenere alta l’intensità sino alla fine riuscendo così a portare a casa un successo che mancava dalla trasferta di Reggio Emilia.

 

© Riproduzione riservata
Commenti