Basket
Commenta

Galbiati: "A Brescia ancora in difficoltà,
ma dobbiamo fare quadrato"

È tempo di derby con Brescia in casa Vanoli Cremona e coach Paolo Galbiati presenta così la sfida di domenica 19 dicembre alle ore 19:00 al PalaLeonessa:  “Siamo a presentare il derby con Brescia ma parlerò solo di noi. È chiaro che siamo in difficoltà perché siamo corti nelle rotazioni per colpa degli infortuni ed è una cosa che non possiamo controllare. Siamo in difficoltà perché arriviamo da cinque sconfitte consecutive. Sapevamo sarebbe potuto succedere ed è successo. Stiamo facendo quadrato, la società sta facendo quadrato intorno a noi e chiediamo anche ai tifosi dì farlo. Quello che sappiamo è che solo il lavoro può portarci a vedere la luce in fondo al tunnel.
“Arriviamo dall’ennesima settimana in cui non siamo riusciti a fare allenamento con un numero adeguato dì giocatori senior ma nonostante questo lavoriamo veramente tanto e credo manchi poco a vedere quella luce di cui dicevo.
“Abbiamo in squadra dei ragazzi veramente positivi: gli infortunati sono sempre qui con noi agli allenamenti, i non infortunati lavorano come matti, i ragazzini ci danno sempre una grossa mano; il lavoro mio e dello staff è quello di cercare di aiutarli ancora di più a raggiungere gli obiettivi prefissati. Harris è uno di quelli che lavora più dì tutti. Arriva sempre un’ora prima, fa lavoro fisico e poi tira tantissimo. È un professionista eccezionale che sta pagando l’adattamento ad una realtà nuova. È in difficoltà e noi tutti dobbiamo aiutarlo ad uscirne. Domenica vediamo anche quanto Peppe Poeta potrà darci al rientro in campo. Per ciò che riguarda invece Malik Dime, si sta inserendo bene ed ha una grande intelligenza cestistica. Si è calato ottimamente nella nostra realtà e ci sta dando alcune cose che ci mancavano.
“Io la vedo la luce in fondo al tunnel. Non ne farò un dramma se perderemo domenica con una Germani Brescia che ha un roster molto interessante, con Kenny Gabriel che ha giocato in Eurolega, con Amedeo Della Valle e Mitrou-Long, con Cobbins che è un lungo atletico e che poi può contare anche sull’esperienza di Moss e Burns. Non lo farò perché sappiamo che non ci siamo mai allenati al completo. È chiaro che vincere ti fa lavorare più sereno in settimana ed è per questo che spero dì vedere un bel sorriso sulla faccia dì tutti a fine partita”.

© Riproduzione riservata
Commenti