Vanoli
Commenta

Treviso vincente con i tiri dall'arco
di Dimsa e un solido quarto periodo

Nell’ottava giornata Treviso tiene a bada Cremona e vince 96-83 dopo un match rimasto in equilibrio per mezz’ora. La Nutribullet, terza miglior difesa del campionato, ha fatto valere questo suo punto di forza proprio nell’ultimo periodo contro una Cremona tenuta a 12 punti. Le rotazioni lunghe e fisiche hanno fatto la differenza, soprattuto con Jones e Sims sotto canestro, in grado di chiudere le maglie alle incursioni degli esterni Vanoli.

Sul gioco dei biancoblù ha pesato molto l’assenza di Poeta, uscito dalla gara per un infortunio nel secondo periodo e i ranghi corti. Miller sicuramente tra i peggiori nonostante qualche lampo difensivo, 5 punti siglati e l’espulsione per limite di falli. I padroni di casa hanno trovato la serata al tiro con un 57.1% da tre punti e il 61.8% da due. Nello specifico, mattatore nel primo tempo è stato Tomas Dimsa, letale in uscita dai blocchi con un 5/8 dall’arco, a fine gara ha chiuso con 23 punti.

Sims è stato l’altro protagonista del match con 22 punti, nel secondo tempo il lungo ha forzato 8 falli che ha freddamente trasformato in lunetta con un 10/11. Per lui un grande apporto sotto canestro con 5 rimbalzi totali (Meglio di lui per i padroni di casa solo Jones con 7) e l’intensità difensiva nel pitturato.

Sponda Vanoli sono arrivati buoni segnali soprattuto da Tinkle, top scorer cremonese con 17 punti e McNeace, doppia doppia di 11 punti e 10 rimbalzi.Proprio la coppia McNeace e Sanogo ha retto bene gli urti dei lunghi avversari con il secondo ormai specialista “piccolo” contro i centri stazzati.

Parlando di esterni di Cremona, Harris ha dovuto fare gli straordinari dimostrando ancora una volta grandi doti realizzative e difficoltà in regia, stessa cosa Spagnolo, un fuoco di paglia spento troppo velocemente. L’assenza di Poeta purtroppo si è vista subito con l’offensiva relegata alle notevoli doti individuali degli attaccanti biancoblù.

Mappa al tiro del match, Legabasket.it

Lorenzo Scaratti

© Riproduzione riservata
Commenti