Vanoli
Commenta

Vanoli contro una Reyer con nuovi
innesti e importanti conferme

“Squadra che vince non si cambia”. E’ sempre stato questo il motto dei lagunari ad ogni post season, ma da quest’anno si sono fatti dei timidi passi verso le rivoluzione del roster: sono arrivati 6 nuovi innesti, come ad esempio Tarik Phillip e Martynas Echodas, che rinforzeranno il pacchetto esterni. A loro si aggiungono Jeff Brooks e Michele Vitali, uno in arrivo dall’Armani Exchange Milano e l’altro da Bamberg, senza dimenticare Victor Sanders e Vasilis Charalampopoulos, dall’Aquila Basket Trento e dall’Olympiakos.

I veneti della stagione 2021-22 saranno così una nuova Reyer costruita sulle solide basi, ancora presenti, delle passate stagioni. Nel periodo estivo erano tante le sirene, estere e non, per coach Walter De Raffaele giunto proprio durante la Supercoppa appena terminata, alle 500 panchine con Venezia.

Coach confermato, c’era da scongiurare una partenza anche dell’mvp della passata stagione, Stefano Tonut. Con un Preolimpico a Belgrado e dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020 in cui ha mostrato in lungo e in largo il suo valore contro alcuni dei migliori giocatori al mondo. Difficilmente l’esterno sembrava poter rimanere in laguna, ma la tanto attesa conferma è arrivata e sicuramente sarà ancora lui mente e punti della Reyer.

Cremona dal canto suo prosegue nel suo cammino di costruzione e di amalgama iniziato durante la Supercoppa. Allenamenti al completo, con un McNeace in meno, ma un Radic in più. Se gli americani nella preseason erano ancora dei grossi punti interrogativi, ora non lo sono più, se non per gli avversari. Un banco di prova importante per il match d’esordio quindi quello della Vanoli, ma come spesso ha detto coach Galbiati, i biancoblù saranno una squadra con l’elmetto pronti a vendere cara la pelle anche al Taliercio dei leoni Reyer.

Lorenzo Scaratti

© Riproduzione riservata
Commenti