Basket
Commenta

Sansebasket, firmato Marelli, mercato
tranquillo e spazio ai giovani

Estate di mercato tranquilla in casa Sansebasket, la società ha deciso di non rivoluzionare il gruppo dell’anno scorso, confermando gran parte del roster. L’obbiettivo reale è quello di misurare l’effettivo valore della squadra dopo le grandi difficoltà che hanno segnato l’ultima stagione. Condizionato da tante positività al covid, che non hanno permesso al gruppo di trovare la giusta condizione atletica e il normale feeling con campo e compagni, il campionato scorso è stato tutt’altro che semplice da affrontare. La società ha confermato tutto lo staff tecnico con coach Paolo Vencato alla guida della squadra, coadiuvato ancora da Aldo Panena e dall’assistente Nicolò Mariotti. Sul fronte giocatori salutano Massimo Farioli, Marco Marenzi e il capitano Filippo Cocchi, infortunato al ginocchio nel finale di stagione e con qualche mese di stop forzato da affrontare.

Sansebasket non si tira però indietro dal mercato estivo con l’arrivo tra i meningreen di Davide Marelli. Giocatore di grande esperienza, che in questi anni ha saputo farsi apprezzare da avversario in tante gare di C Gold Lombardia. Originario di Brescia, Marelli è un’ala piccola di 195 cm, classe 1991, con alle spalle una carriera di tutto rispetto: dagli esordi con il CUS Brescia, il passaggio all’Olimpia Milano – con anche alcune chiamate dalla Nazionale Giovanile -, poi la B con Brescia, Crema, Orzinuovi e, negli ultimi anni, i campionati di Serie C prima. Proprio in questo campionato ha giocato con le maglie di Sarezzo e Lumezzane, sia Virtus che Olimpia, nelle ultime 6 stagioni.

Marelli ha manifestato fin da subito grande interesse per il progetto Sansebasket, che prevede la coesistenza in gruppo di senior d’esperienza con ragazzi giovani da crescere: “Spero di poter dare al gruppo un po’ di versatilità e duttilità perché oltre ai punti segnati che mi hanno contraddistinto nella mia carriera. Negli anni ho sviluppato anche altre caratteristiche, dall’assist alla giocata, ma anche la capacità di dare un consiglio ad un compagno e fare tutto quello che serve a seconda delle necessità”.

Da neo arrivato in casa biancoverde, Marelli ha speso ottime parole per i biancoverdi ed il loroprogetto: “Il nostro campionato, pur essendo molto competitivo, è ancora dilettantistico, quindi mi pare saggio il desiderio, di far crescere i ragazzi del settore giovanile, dando loro minuti e fiducia”. La speranza, è che nel corso degli anni, possano emergere giocatori importante per la categoria, “sono quindi onorato – conclude Marelli – di poter fare da ‘chioccia’, con l’aiuto degli altri senior, a questi ragazzi”.

Anche coach Vencato ha dichiarato che la scelta di Marelli è stata fortemente voluta proprio per queste sue caratteristiche: “E’ un giocatore versatile, quindi tatticamente può giocare in più ruoli. Siamo certi che ci darà molta soddisfazione in qualsiasi posizione decideremo di utilizzarlo. Abbiamo perso 3 giocatori, ma ne abbiamo preso uno di qualità molto alta. Uno degli obiettivi della stagione sarà comunque anche quello di dare spazio ai giovani”.

Alla presentazione era presente Giovanni Tedeschi, da tanti anni sponsor a supporto dell’attività Sansebasket. Da parte sua c’è stato un grande apprezzamento per le parole di Marelli, che ha definito “concreto, posato ed equilibrato,  soprattutto molto legato alla missione Sansebasket”. Anche Tedeschi si è detto “convinto che, insieme agli altri senior e al coach, potrà essere un riferimento importante per i ragazzi ed avere un ruolo educativo per i più giovani”.

Il presidente Fabio Tambani ha accolto con entusiasmo le parole di Davide Marelli ed ha ricordato che Sansebasket ogni anno, scommette sui ragazzi giovani, ma ponendo delle basi sicure tra i giocatori senior. “Nella nostra esperienza abbiamo visto che chi ha approcciato in maniera proattiva la crescita dei giovani, ha dato un valore aggiunto alla squadra. Vincere una partita non è sempre la cosa più importante: ci sono anche altre ‘partite’, queste senza referto, che vanno vinte. Il nostro è un ambiente sano e tranquillo, senza particolari pressioni. Per noi la base di partenza è la serenità e l’amicizia che ci legano, la voglia di fare sport ognuno con il proprio ruolo, ma impegnandosi seriamente e con professionalità. Credo che Davide Marelli si calerà in maniera assolutamente virtuosa e positiva in questo ambiente”.

© Riproduzione riservata
Commenti