Vbc
Commenta

La Vbc punta sulle giovanissime
Altri 5 nuovi nomi nel roster

Servizio video di Giovanni Gardani

Cinque i nuovi acquisti presentati nel corso della mattinata di lunedì dalla Vbc Casalmaggiore, che sta dando forma a una squadra completamente rinnovata e soprattutto molto giovane, cui si aggiunge anche il vice allenatore, Tommaso Zagni (Tommy), che arriva per la sua prima esperienza in serie A1. Per il roster, ingaggiati il libero Martina Ferrara (maglia 1), le centrali Michaela White (maglia 9) e Marina Zambelli (maglia 18), l’opposto Malual Adhuoljok (maglia 10) e la banda Linda Mangani (maglia 6).

In diretta streaming, Martina Ferrara, classe 1999 – sorella della ex Vbc Marianna – proveniente dalla Cuore di mamma Cutrofiano, in A2, ha espresso il propio entusiasmo nel “vestire la maglia di Casalmaggiore, dove mia sorella ha giocato e dove ha tanti bei ricordi” ha detto. “Non vedo l’ora di iniziare la mia avventura in rosa. Ricordo che ero tra il pubblico quando mia sorella, in questa squadra, vinse la Champions League”.

Sempre in video, presentata anche la 23enne White, che si è detta “molto motivata” e ansiosa di unirsi alla squadra. “Sono molto competitiva e voglio iniziare una bella stagione, arrivando a vincere insieme” ha detto. Una centrale che, come ha spiegato coach Volpini: “ha qualità fisiche importanti. Dovrà abituarsi al sistema di gioco italiano, ma credo che sarà un valido aiuto”.

In presenza, invece, il secondo allenatore, Zagni: “Sono alla mia prima esperienza in A1 e non vedo l’ora di iniziare quello che considero il campionato più bello d’Europa” ha detto. “Mi piace molto lavorare sull’aspetto teorico, con analisi e studio delle partite, ma anche mettere poi in pratica le cose in palestra”.

Presenti poi anche tre giocatrici, a partire da Zambelli, che con i suoi 31 anni dovrà indossare il ruolo di “giocatrice anziana”; un gradito ritorno per la Vbc, dopo una buona stagione a Chieri. “E’ come tornare in una bella famiglia che ho lasciato da qualche anno ma che mi ha sempre seguito e accolto bene” ha detto. “Torno con maggiore esperienza e consapevolezza e sono contenta dell’opportunità di avere un nuovo ruolo e aiutare le ragazze più giovani. All’inizio sarà dura perché il gruppo è totalmente nuovo, ma credo che se funzionerà avremo un ottimo risultato”.

E’ stata poi la volta di altre due giovanissime, entrambe classe 2000. Come l’opposto Malual Adhuoljok, proveniente da un anno di esperienza in America, dove era approvata dopo aver giocato nel Sassuolo e nel Club Italia, in A2: “Non vedo l’ora di esser parte di questa squadra e di crescere con essa”, ha detto.

E ancora, Linda Mangani, che a sua volta ha sempre giocato in A2: “Per me è un’occasione unica” ha spiegato. “Penso che sarà un anno duro ma che dovremo creare subito un bel gruppo per portare a casa risultati importanti”.

LaBos

© Riproduzione riservata
Commenti