Calcio
Commenta

Sorpresa a Piadena Drizzona: Bastoni
"appare" alla festa dell'oratorio

Uno di casa, perché Alessandro è sempre stato un piadenese doc e non ha mai perso il contatto con la sua terra, nonostante la fama e una carriera lanciatissima, che a 22 anni gli ha già regalato uno Scudetto con l'Inter e il titolo europeo con la Nazionale Italiana. GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

Foto Sessa

Sorpresa venerdì sera a Piadena Drizzona, anche se in realtà non stupisce che un ragazzo come Alessandro Bastoni abbia scelto l’oratorio di casa per la prima uscita pubblica dopo la splendida cavalcata azzurra che l’ha laureato assieme ai compagni dell’Italia di Mancini Campione d’Europa.

Durante lo spettacolo del Mago Beru organizzato presso l’oratorio piadenese, il difensore classe 1999 ha deciso di apparire – grazie alla formula del suddetto mago – ai ragazzini e ai bambini che stavano assistendo allo spettacolo, con grande gioia per tutti i presenti e per il parroco don Antonio Pezzetti, grande tifoso di calcio (pur essendo milanista, e non interista come Bastoni).

Una serata che ha regalato forti emozioni, con Bastoni che ha salutato tutti i presenti, dispensando sorrisi e autografi. In tutta risposta sono state rispolverate fotografie che ritraggono Alessandro, accompagnato dal nonno Mario Oppi, come educatore in un Grest di qualche tempo fa. Spazio poi a qualche curiosità.

Dopo il saluto del sindaco Matteo Guido Priori, che aveva invitato Bastoni non più tardi di lunedì scorso e dopo la colonna sonora “We are the Champions” che ha consentito di ripercorrere il cammino azzurro a Euro 2020, spazio all’Inno Nazionale cantato tutti insieme.

Uno di casa, insomma, perché Alessandro è sempre stato un piadenese doc e non ha mai perso il contatto con la sua terra, nonostante la fama e una carriera lanciatissima, che a 22 anni gli ha già regalato uno Scudetto con l’Inter e il titolo europeo con la Nazionale Italiana.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti