Calcio
Commenta

Bastoni, sogno Europei ancora
più vicino con le rose larghe

Giorgio Chiellini della Juventus e Francesco Acerbi della Lazio sono ai primi posti della gerarchia. Ma dato che le condizioni fisiche del bianconero non darebbero sufficienti garanzie, in un torneo in cui in un mese, se tutto andrà bene, si potrebbe arrivare a giocare fino a sette partite, ecco che un terzo mancino di difesa come Alessandro risulterebbe molto utile.

Una chance in più. E il sogno azzurro che sembra un po’ più vicino. Ci sarà da lottare, da scalare forse ancora una posizione, da vincere un titolo italiano che la Milano nerazzurra attende da 11 anni, ma intanto per Alessandro Bastoni, classe 1999 di Piadena Drizzona e difensore titolare dell’Inter ormai prossima allo Scudetto, l’Europeo di calcio con la Nazionale Maggiore non è più utopia.

Una decisione dell’Uefa, passata quasi in sordina ma molto importante e che ha accontentato le richieste del vari Commissari Tecnici impegnati nella rassegna continentale – per la prima volta organizzata con la formula itinerante per festeggiare i 60 anni dal via della manifestazione – amplia le rose dei calciatori partecipanti alla kermesse. Da 23 giocatori tradizionale a 26: un modo per creare maggiore ricambio soprattutto alla luce dell’allarme Covid che non può chiaramente essere sottovalutato.

Nella rosa dei papabili Alessandro Bastoni c’è sempre stato ma adesso, con 3 posti in più, ha davvero una chance in più di convocazione da parte del commissario tecnico Roberto Mancini. Il quale, teoricamente, dovrebbe portarsi un paio di difensori centrali che usano il piede sinistro come arma principale.

In questo senso Giorgio Chiellini della Juventus e Francesco Acerbi della Lazio sono ai primi posti della gerarchia. Ma dato che le condizioni fisiche del bianconero non darebbero sufficienti garanzie, in un torneo in cui in un mese, se tutto andrà bene, si potrebbe arrivare a giocare fino a sette partite, ecco che un terzo mancino di difesa come Alessandro risulterebbe molto utile. Un’occasione insomma molto concreta e, vista la grande stagione di Bastoni con l’Inter, sicuramente meritata.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti