Altri Sport
Commenta

Sci, Campionati Assoluti Regionali
baby-cuccioli al Tonale: Brescia,
Verbania e Sondrio sugli scudi

Si sono svolti il 27-28 febbraio 2021 sulle nevi del Passo del Tonale i Campionati Assoluti Regionali baby-cuccioli che hanno visto la partecipazione di 575 ragazzini fra maschi e femmine, provenienti da tutte le circoscrizioni delle Alpi Centrali.

Tutto si è svolto nella massima sicurezza grazie al lavoro svolto dagli organizzatori del Cremona Ski Team ed i responsabili della stazione invernale, sotto l’occhio del Presidente di Alpi Centrali.
Mascherine obbligatorie tranne che durante la gara, distanziamento in partenza ed all’arrivo, code separate ed in fila indiana per prendere gli impianti e campo gara rigorosamente chiuso ai non addetti ai lavori.

I piccoli atleti si sono combattuti senza esclusione di colpi e tutti hanno dato il meglio di se stessi favoriti anche dalle ottime condizioni metereologiche, climatiche e della neve. Le prime tre province classificate come risultati assoluti sono state Brescia, Verbania e Sondrio.

La scelta della località ha aiutato non poco gli organizzatori in quanto competenza e professionalità dell’Adamello Ski rendono Pontedilegno-Tonale uno dei comprensori più gettonati perché meglio attrezzati per l’organizzazione di gare di una certa rilevanza.

Ora il Cremona Ski Team con l’organizzazione di questa gara entra di diritto a livello lombardo fra i principali organizzatori di gare di alto livello. Considerando che il sodalizio è nato 5 anni fa e conta circa 100 tesserati Fisi con almeno 30 ragazzini dediti ad allenamenti e gare, è “un ottimo traguardo”. “Non dimentichiamoci che uno sci club cittadino parte già svantaggiato rispetto a sci club di montagna o di città con montagne dietro casa”, come ricordano dal CST.

Dopo questi giorni, la “consapevolezza di crescere diventando più grandi e competitivi nei riguardi di sci club molto più blasonati è diventata realtà, ed il Presidente Marcello Ventura con il consiglio, sta pensando ad una nuova struttura che porterà un Direttore Tecnico che coordinerà gli allenatori, ed un allenatore responsabile dedito al reclutamento a Cremona ma anche tra altre province”. Già ora vantano piccoli atleti di Monza, Modena e Paderno Dugnano.

La manifestazione ha “dimostrato che con attenzione la stagione sciistica si sarebbe potuta fare tranquillamente senza rovinare l’economia della montagna , ma forse ci sarebbe voluto un governo con qualche esponente in grado di difendere il Nord inteso come aziende che sviluppano l’economia turistica della montagna: impianti, rifugi, alberghi, stazioni sciistiche, comprensori”.

© Riproduzione riservata
Commenti