Altri Sport
Commenta

A Dester il Trofeo Panathlon
Premiati anche Perodi,
Sali, Pedrola e Zeni

Anche quest’anno, come da tradizione, sono stati assegnati i premi del Panathlon Club di Cremona a sportivi che si siano particolarmente distinti in ambito nazionale ed internazionale. Nell’impossibilità di ritrovarsi finalmente in presenza, è stata organizzata una riunione on line, sulla piattaforma Zoom, che ha visto la partecipazione di numerosi soci, che hanno potuto esprimere le preferenze tra le candidature avanzate. Tre sono i premi che vengono assegnati ogni anno. Il primo, e più prestigioso, è il Trofeo Panathlon, che partendo da Mario Fraschini nel 1958, è stato attribuito a personalità sportive del calibro di Cesare Beltrami, Giuseppe Soldi, Angelo Bergamonti, Italo Mari, Oreste Perri, Antonio Cabrini, Germana Cantarini, Efrem Morelli e Maria Bresciani, solo per citarne alcuni.
Può essere assegnato ad un atleta singolo o Società Sportiva (se il risultato sportivo sia stato conseguito da una squadra o equipaggio), che abbia particolarmente onorato nell’anno lo sport agonistico.

Per il 2020 ada ggiudicarselo è stato Dario Dester. Dester è nato a Cremona nel 2000 e risiede a Casalbuttano, gareggia per Cremona Sportiva Atletica Arvedi, nell’atletica, specialità Decathlon. Nonostante l’annata agonistica condizionata pesantemente dea Covid19 ha partecipato a tre gare di Decathlon (Casalmaggiore, Firenze e Padova), a Firenze ha stabilito il suo record personale (7655 punti); ha partecipato a diverse gare nazionali nelle singole specialità (salto in lungo, 400H, getto del Peso) e a Savona in gara internazionale ha saltato 7,60 mt.. L’atleta di Cremona Sportiva- Atletica Arvedi  ha conquistato l’oro ai Campionati Italiani Assoluti: risultato di grande prestigio considerata anche la sua giovane età e la tipologia di questa difficilissima specialità dell’atletica Leggera

Il secondo premio, le Coppe Alquati, istituite dal primo Presidente del Panathlon Club Cremona, Gino Alquati, e mantenute dal figlio Paolo, sono premi individuali, da assegnare a giovani, maschi o femmine, studenti o lavoratori, che non abbiano compiuto il 21° anno di età e che si siano particolarmente distinti nell’anno, nello sport, nello studio o nel lavoro. Per il 2020 sono state assegnate a Alessio Perodi, Susanna Pedrola ed Elena Sali. Perodi risiede a Cremona dove è nato il 12/08/2002, gioca a pallavolo nella Canottieri Ongina Volley e gioca nel Campionato Nazionale Serie B nel ruolo di banda (schiacciatore – ricevitore). Prima della chiusura del Campionato per Covid-19 la Can. Ongina Volley era in testa al girone B, rappresentando la Lombardia nel torneo nazionale di beach volley in Sardegna.

Pedrola è nata a Cremona il 24/07/2003 e risiede a Castelvetro Piacentino, mentre Sali risiede a Cremona dove è nata il 24/04/2002. Insieme formano l’equipaggio del due di coppia della Canottieri Leonida Bissolati. Nel 2020 hanno conseguito importanti risultati: 2 Titoli Italiani, primo posto ai Campionati Italiani di Fondo (Pisa 25/01/202), secondo posto ai Campionati Italiani (Varese 17/10/2020); hanno poi vinto ben 4 gare Nazionali dominando la stagione nella loro specialità.

Il terzo premio è rappresentato dalla Coppa Nolli, istituita nel 2012 dal figlio Paolo per ricordare il papà e già presidente del Club Sergio Nolli: è un premio da assegnare ad atleta singolo, Società Sportiva o dirigente che si siano particolarmente distinti nell’anno ed abbiano onorato lo sport paralimpico. La Coppa Nolli per il 2020 è stata assegnata a Giovanni Zeni, nato a Codogno (LO) il 20/05/1976 e residente a Castel Gerundo (LO), pratica il tennis in carrozzina e veste i colori della Canottieri Baldesio. Prima dell’incidente nel 1997 ha praticato il tennis, lo sci e soprattutto il calcio a buoni livelli. Nel 1998 ha giocato a basket in carrozzina a Villanova d’Arda, vestendo la maglia azzurra in tre occasioni; dal 2009 gioca regolarmente a tennis in carrozzina nella squadra della Canottieri Baldesio di Cremona di cui è capitano, nel 2012 si è laureato Campione Italiano a Squadre; nel 2014 ha vinto il 1° torneo internazionale di doppio di Alghero.

Nel 2019 ha iniziato una nuova attività sportiva, quella del canottaggio per la Società Canottieri Flora di Cremona e già da giugno è stato convocato per 4 volte ai raduni tecnici della nazionale.
Il monosci ha preso il posto degli sci e gli ha permesso di continuare le sue “discese libere” sulla neve. E’ anche il Presidente della Onlus “Amministratore del Cuore” che ogni anno organizza corsi di sci per persone con disabilità, in collaborazione con la Scuola Sci di Ponte di Legno. Nel 2020 ha vinto i Campionati Regionali a squadre di tennis in carrozzina, ha partecipato a diversi tornei nazionali, è quinto nel ranking in Italia ed è stato convocato a raduni con la Nazionale Italiana

© Riproduzione riservata
Commenti