Commenta

Calcio dilettanti, stop definitivo?
L'ex consigliere Paolo Loschi:
'Temo non ci siano alternative'

"Con questi numeri, e con le decisioni che il Governo sta prendendo relative alle chiusure nei weekend, credo che la stagione 2020-2021 finisca qui. Se ne riparlerà a settembre, cancellando di fatto i campionati partiti ad ottobre 2020 e subito stoppati" spiega il casalasco Loschi.

I campionati di calcio dilettanti 2020-2021? Rischiano di essere già finiti. E questo al di là di come andranno le elezioni convocate il 9 gennaio in Lombardia, dove Carlo Tavecchio sfida Alberto Pasquali per la presidenza e per il post Giuseppe Baretti (in netto miglioramento dopo avere contratto il Covid). L’impressione, infatti, è che la Figc Lombardia abbia le mani legate, dato che dovrà sottostare in qualsiasi caso alle decisioni del Governo. Nei prossimi giorni infatti la politica romana vorrebbe riformulare i criteri legati all’indice Rt per decretare zone arancioni e rosse regionali, ma al contempo vorrebbe istituire zone rosse nei fine settimana sull’intero territorio.

Questo bloccherebbe in automatico gli eventi sportivi dilettantistici, fissati tra sabato e domenica, da tradizione, con i campionati di valenza nazionale che sarebbero così gli unici a rimanere in piedi. E se la serie D continua a scendere in campo e per le Juniores Nazionali e le Primavera si parla di ripresa da metà gennaio, ecco che la fatidica data del 7 febbraio dall’Eccellenza in giù (e nei vari tornei giovanili regionali e provinciali) a questo punto è destinata a rimanere una chimera. Paolo Loschi, consigliere regionale uscente (e dimissionario) per la provincia di Cremona nella Figc Lombardia, pur non rivestendo attualmente alcuna carica, conosce bene i meccanismi che regolano l’organizzazione dei campionati.

E lancia la sua ipotesi, a questo punto molto probabile. “Con questi numeri, e con le decisioni che il Governo sta prendendo relative alle chiusure nei weekend, credo che la stagione 2020-2021 finisca qui. Se ne riparlerà a settembre, cancellando di fatto i campionati partiti ad ottobre 2020 e subito stoppati. Non credo che la Figc Lombardia, al di là di chi vincerà le elezioni, possa fare molto: stiamo parlando di decisioni a livello nazionale e, del resto, anche di una pandemia. Potrebbe essere un’idea, casomai, sfruttare questi mesi per organizzare qualche amichevole, se i numeri lo consentiranno in particolare nei mesi caldi, con il virus tendenzialmente in decrescita: questo vorrebbe dire provare a mantenere almeno il tono muscolare e il ritmo partita, che i soli allenamenti non possono dare”.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti

Direttore
Guido Lombardi (direttore@cremonaoggi.it)

Redazione

Via Bastida 16 – 26100 Cremona / Telefono 0372 805 666 / Fax 0372 080169 | redazione@cremonaoggi.it

Pubblicità
pubbli@cremonaoggi.it | 0372 080167/080168

Cremonaoggi Ed. UNOMEDIA srl, via Rosario 19, Cremona Direttore Responsabile Guido Lombardi.
Iscritto nel pubblico registro presso il Tribunale di Cremona al numero 461 dal 29 aprile 2011

 

Created by Dueper Design | Hosting by Emberware