Commenta

Un altare per Maradona
nella sede dell'ALAC
L'installazione di Garay

Anche l’Associazione Latinoamericana di Cremona ha voltuo rendere omaggio a Diego Armando Maradona, scomparso mercoeldì 25 novembre all’età di 60 anni. “Grazie Diego querido”, hanno scritto in un post Facebook a commento dell’immagine che ritrae l’altare allestito all’interno della sede per poterlo ricordare. Insieme alle foto di Maradona e ai ceri, una bandiera argentina e le maglie della Seleccion e del Nwewll’s Old Boys, la squadra di Rosario che ha intitolato una tribuna del proprio stadio proprio a Diego diversi anni fa e con cui, lo stesso Pibe de Oro, ha giocato 5 partite. L’installazione è opera dell’artista, membro dell’Associazione, Luis Felipe Garay.

“Maradona per me rappresenta tutto, è come se fosse morta una parte di me”, spiega Garay che aggiunge: “Il primo atto di coscienza della felicità del calcio è stata la Coppa del Mondo del 1986, quando avevo solo 8 anni, ma lo ricordo ancora con molta forza. Mi sono innamorato di lui”. L’artista argentino è originario di Rosario e tifoso del Newell’s: “Ho avuto la fortuna di vederlo dal vivo con la squadra del mio cuore al suo debutto con la mia squadra, contro l’Emelec: conservo ancora il bisglietto intero a casa, perché c’era talmente tanta gente che ad un certo punto i controlli sono saltati”.

“Al di là della sua vita privata – aggiunge Garay -, dell’esperienza con la droga che lo hanno portato ad una sorta di autodistruzione, ma anche al di là dei suoi rapporti con Chavez o Fidel Castro, a me importa quel che ha rappresentato a livello mondiale. Non posso giudicarlo, ma come giocatore era un fuoriclasse e come essere umano ha sempre avuto una coerenza di pensiero: ha fatto moltissime attività per la gente più debole e ha sempre pensato ai più poveri”.

L’artista spiega quindi cosa lo ha spinto a creare questa installazione: “All’inizio, quando ho appreso la notizia, è stato uno shock e ho chiesto subito conferma ai miei amici in Argentina perché molte volte lo avevano già dato per morta. Una volta confermato, ho cominciato a piangere e ho sentito la necessità di fare qualcosa. Non potevo, anche se sarebbe stata la mia intenzione, essere a Buenos Aires, per cui ho deciso di fare questa specie di altare per ricordarlo”.

Mauro Taino

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti

Direttore
Guido Lombardi (direttore@cremonaoggi.it)

Redazione

Via Bastida 16 – 26100 Cremona / Telefono 0372 805 666 / Fax 0372 080169 | redazione@cremonaoggi.it

Pubblicità
pubbli@cremonaoggi.it | 0372 080167/080168

Cremonaoggi Ed. UNOMEDIA srl, via Rosario 19, Cremona Direttore Responsabile Guido Lombardi.
Iscritto nel pubblico registro presso il Tribunale di Cremona al numero 461 dal 29 aprile 2011

 

Created by Dueper Design | Hosting by Emberware