Commenta

Il PalaRadi si tinge
di blu: Vanoli travolge
Bologna 80-73

VANOLI CREMONA: Saunders 6, Mathews 15, Marchetti n.e., Sanguinetti 3, Gazzotti, Ruzzier 15, Sobin 3, De Vico 2, Happ 19, Stojanovic 7, Palmi, Akele 10. All. Sacchetti

POMPEA FORTITUDO BOLOGNA: Robertson 11, Aradori 19, Cinciarini 2, Mancinelli 2, Dellosto n.e., Leunen 5, Sims 18, Prunotto n.e., Fantinelli 12, Daniel 1, Stipcevic 3. All. Martino

Parziali: 24-19; 48-38; 67-60.

Arbitri: Lo Guzzo, Paglialunga, Boninsegna.

Che il detto “La prima impressione è quella che conta” non fosse da prendere alla lettera ce l’aveva dimostrato Matt Tiby, che dopo i 25 punti all’esordio in Supercoppa si era infilato in un tunnel dal quale non è sostanzialmente mai uscito.

Tuttavia, con buona pace dei proverbi: benvenuto Ethan, continua così, se ti va firma pure il prolungamento del contratto domattina, grazie. E pensare che non era nemmeno al meglio, dati i problemi intestinali patiti nella notte tra sabato e domenica. Non sarà “The Flu Game”, ma ci si accontenta alla grande.

Scherzi a parte, abbiamo visto biglietti da visita peggiori da parte di un esordiente in maglia Vanoli: 19 punti, 7 rimbalzi, 2 assist, 2 stoppate, 5 falli subiti, 24 di valutazione e, soprattutto, adesso Cremona ha un punto di riferimento sotto le plance sui due lati del campo. 

Buona tecnica, dinamico, mani educate e braccia lunghe: 29 minuti e 13 secondi di campo non possono e non devono bastare per giudicare un giocatore, ma di uno così c’era bisogno come il pane.

E la partita? Solo una volta sotto, precisamente sul 17-19 nel primo quarto, svantaggio peraltro subito cancellato dal 7-0 Cremona che ha chiuso il quarto.

Era la prima gara senza capitan Travis e si veniva da due sconfitte consecutive con la miseria di 109 punti totali segnati.

Innegabile che servissero delle risposte, anche e soprattutto a livello mentale ancor prima che tecnico, e le risposte sono arrivate: pur con qualche inevitabile sbavatura, Cremona ha usato la cabeza fin dal primo possesso, ringhiando difensivamente come dovrebbe ringhiare una squadra che lotta per salvarsi.

Nove giocatori diversi a referto: pure questo un bel segnale, così come i 15 di uno spavaldo Ruzzier dopo la virgola della settimana scorsa e i 10 di Akele, alla prima doppia cifra in Serie A.

E poi Mathews, che sparacchia dal campo (6/17) ma piazza 8 punti di importanza capitale in un terzo quarto che aveva visto la Effe tornare sul -6 con un parziale di 11-2.

Sono successe altre due cose particolari in questa gara: Saunders ha disputato una gara “normale”, chiudendo a 6+5+4 ma sacrificandosi difensivamente su Robertson e Aradori.

E la seconda? Beh, a conti fatti la gara l’ha chiusa Happ con la schiacciata del definitivo +7, ma nel possesso precedente il giocatore che ha rischiato i connotati prendendosi lo sfondamento da Aradori è uno di quelli che i riflettori li vede di rado. Si, proprio Giacomo Sanguinetti. E pazienza se quel fallo in attacco fosse quantomeno dubbio.

Due punti pesanti, perchè è dal PalaRadi che deve passare la salvezza. Due punti meritati, perchè se l’atteggiamento è questo, le nubi nerissime della settimana scorsa possono anche svolazzare altrove.

Alberto Guarneri

Fotoservizio Francesco Sessa

© Riproduzione riservata
Commenti

Direttore
Mario Silla (direttore@cremonaoggi.it)

Redazione

Via Bastida 16 – 26100 Cremona / Telefono 0372 805 666 / Fax 0372 080169 | redazione@cremonaoggi.it

Pubblicità
pubbli@cremonaoggi.it | 0372 080167/080168

Cremonaoggi Ed. UNOMEDIA srl, via Rosario 19, Cremona Direttore Responsabile Mario Silla.
Iscritto nel pubblico registro presso il Tribunale di Cremona al numero 461 dal 29 aprile 2011

 

Created by Dueper Design | Hosting by Emberware